Mancini: "Balotelli sta buttando via il suo talento, gli voglio bene e spero lo capisca"

Serie A
©Getty

Il commissario tecnico della Nazionale ha parlato dell’attaccante in un’intervista rilasciata alla Rai: "Gli voglio bene indipendentemente da tutto, ma spero che capisca che sta buttando via il suo talento. È straordinario, gentile ed educato, spesso viene giudicato da chi non lo conosce"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI

"Il primo pensiero lo dedico a Alex Zanardi. Lui è forte lo ha sempre dimostrato ed ha unito i tifosi di tutti gli sport. Noi gli siamo vicini e preghiamo per lui": così Roberto Mancini comincia l’intervista rilasciata alla Rai. Per poi passare alle questioni di campo: l’Italia sarebbe stata impegnata agli Europei se non fossero stati rinviati. "Fra un anno esatto giocheremo contro il Galles, ma prima di quella avremo tante partite importanti, è chiaro che quello sarà l’appuntamento principe perché sono gli Europei, le prime tre gare a Roma. Ma abbiamo anche le partite di Nations League che saranno importanti per il sorteggio mondiale" ha detto il ct. Che poi ha parlato così di Mario Balotelli: "Io gli voglio bene, indipendentemente da quello che fa. L’ho avuto da ragazzino, l’ho fatto giocare ed è stato straordinario. La mia speranza è che lui faccia qualcosa per cambiare tutto. Non è semplice ma è ancora un ragazzo giovane, nel pieno della maturità fisica, calcistica. Quindi mi auguro che una mattina si svegli e capisca che sta continuando a buttare via quello che è il suo talento. Mario è un ragazzo straordinario, fuori dal campo gentile, educato, spesso viene giudicato da chi non lo conosce. Le persone per giudicare invece bisogna conoscerle".

Lo stato delle grandi della Serie A

Le prime gare di Coppa Italia non hanno convinto sulla tenuta delle grandi del nostro campionato: "Hanno ripreso da poco dopo una sosta di tre mesi difficilissima, dove i calciatori si sono allenati anche poco. Era normale che non fosse semplice anche per la Juve e l’Inter. Hanno bisogno di più tempo e credo che ci vogliano 4 -5 partite perché i giocatori rientrino in condizione e soprattutto spero che in un paio di settimane anche i tifosi possano tornare allo stadio, perché giocare col pubblico è tutta un’altra cosa". Bersaglio di molte critiche, dopo la finale persa, è stato Maurizio Sarri. "Come ho detto prima è difficile giudicare in questo momento. Comunque la Juve è in testa, forse avrebbe potuto avere qualche punto in più ma va dato merito alla Lazio di essere sempre rimasta lì e sta facendo un grande campionato. Quindi bisogna aspettare e dare tempo, cosa un po’ difficile per noi italiani" ha concluso Mancini.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche