Napoli, Ghoulam: "Finalmente sto bene. Non penso al futuro: qui ho la fiducia di Gattuso"

Serie A

Il difensore algerino non si sbilancia sul suo futuro, ma fa il punto sul momento attuale della sua squadra in esclusiva per Sky Sport: "Ormai mi manca solo il ritmo partita, ma sto benissimo. Abbiamo un grande allenatore: ora dobbiamo crescere sotto l'aspetto della mentalità"

NAPOLI-ROMA LIVE

Anni condizionati dagli infortuni, ora una ritrovata forma fisica e la voglia di ritagliarsi un ruolo da protagonista nel rigenerato Napoli di Gattuso. Tra la ripartenza degli azzurri e gli obiettivi futuri, Faouzi Ghoulam si è raccontato così in una lunga intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport.

approfondimento

Gattuso e il Napoli, in 6 mesi tutto è cambiato

Qualche minuto in campo tra Spal e Verona, poi la panchina contro l'Atalanta. Come stai fisicamente?
Le sensazioni sono buone, è da un po' di mesi che sto bene. Purtroppo c'è stato questo lockdown che ci ha riportato indietro alla mia ripresa. Ma sono contento perché abbiamo ricominciato con la vittoria in Coppa. Per me è stata una gioia importante perché vengo da ultimi anni complicati. Adesso però sto bene e sono molto grato al mister per avermi dato questa opportunità e far parte di questa grande squadra. Mi manca solo il ritmo partita, per il resto sto benissimo.

 

Con il Napoli hai ancora due anni di contratto.
L'importante in questo momento era ritrovare la condizione fisica. Al di là del calcio, avere di nuovo queste sensazioni: io le ho ritrovate, so di avere la fiducia del mister e quindi non mi preoccupo per il futuro. Sono discorsi che si faranno molto in avanti. L'obiettivo è mantenere la condizione fisica.

 

Come è riuscito Gattuso a rigenerare questa squadra?
La sua vicinanza ai calciatori si sente, poi il fatto che lui ha giocato fino a poco tempo fa ci aiuta tanto in spogliatoio. Parliamo di un grande allenatore, che prepara bene le partite. All'inizio è stato difficile, però poco a poco ci siamo ripresi e adesso stiamo andando bene. Questo è il momento di dare alla squadra una mentalità vincente: abbiamo visto negli ultimi anni che non si può sbagliare nemmeno una partita, anche se contro l'Atalanta siamo solo mancati in quei cinque minuti dove abbiamo preso due gol. Ma ha ragione il mister che sotto l'aspetto mentale dobbiamo crescere tantissimo.

SERIE A: SCELTI PER TE