Milan, Pioli: "Fiero di questo gruppo, grande vittoria. Futuro? Non penso al 3 agosto"

Serie A
©Getty

L'allenatore rossonero dopo il 4-2 in rimonta sulla Juve: "I complimenti vanno ai giocatori: anche nelle difficoltà c'è voglia di essere squadra e crederci fino alla fine". Nessun dubbio sul futuro: "Non sto per niente pensando al 3 agosto, mi aspetto di finire bene il campionato e raggiungere gli obiettivi per cui siamo stati chiamati. Ho trovato una squadra con cui sto bene, ma a fine campionato vedremo"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

"I complimenti vanno ai giocatori: anche nelle difficoltà c'è voglia di essere squadra e crederci fino alla fine. Sono stati premiati da un grande risultato e una grande vittoria". Stefano Pioli è un mix di entusiasmo e determinazione dopo la rimonta e la vittoria per 4-2 del suo Milan sulla Juventus, con i rossoneri che si prendono lo scettro di seconda squadra più in forma della Serie A dalla ripresa del campionato, con 13 punti in cinque partite e alle spalle della sola Atalanta. "Siamo stati bravi a sfruttare l'episodio del rigore - ammette ai microfoni di Dazn - perché la partita si era complicata molto. Spiace per i due gol presi, nel primo tempo la gara era equilibrata poi ci siamo fatti sorprendere da Rabiot e Ronaldo. La mentalità della squadra sta facendo la differenza e su questo dobbiamo insistere".

"Pensiamo già al Napoli"

L'allenatore rossonero guarda già oltre: "Vogliamo raggiungere un obiettivo importante. La classifica fino a qualche tempo fa non rispecchiava le nostre qualità, ci siamo compattati nelle difficoltà e ora questo fa la differenza. Chiunque gioca è pronto". Testa al prossimo impegno: "Il campionato è molto particolare: ci sono 7 partite in 20 giorni e ci giochiamo tutto. Siamo soddisfatti, ma molto concentrati sul Napoli. Tutto quello che stiamo facendo va ancora migliorato. Il livello è molto alto e se sei meno attento e concentrato paghi dazio. E noi non vogliamo pagare più".

"Futuro? Non penso al 3 agosto"

leggi anche

Rangnick al Milan, carta bianca e 75 mln di budget

La vittoria sulla Juve è arrivata nelle ore in cui prende corpo l'arrivo di Ralf Rangnick nel ruolo di allenatore e Dt del Milan nella prossima stagione. Sul tema Pioli è lapidario: "Non sto per niente pensando al 3 agosto - è la posizione dell'allenatore - sto pensando solo alla partita col Napoli e contro un grande allenatore che sta lavorando molto bene lì, come aveva fatto al Milan. Penso a fare bene quello che mi piace fare, i miei giocatori mi danno grandissime soddisfazioni. Stiamo diventando squadra, conosciamo pregi e difetti di ogni compagno. Sto troppo bene con questa squadra, mi piace troppo quello che stiamo facendo. Non sono per niente preoccupato per il mio futuro ma sono volenteroso e orgoglioso di finire bene questo campionato. Per il lavoro che stiamo facendo sarebbe giusto levarci altre soddisfazioni". Assoluta concentrazione sul finale di stagione: "Io mi aspetto di finire bene il campionato e raggiungere gli obiettivi per cui siamo stati chiamati. Abbiamo fatto un lavoro in profondità, ma abbiamo anche passato momenti delicati. Il mio desiderio è quello di allenare, mi piace troppo quello che faccio. Ho trovato una squadra con cui sto bene, ma a fine campionato vedremo. Per ora non penso al mio futuro".

"Condizione fisica, bravi staff e giocatori"

A spiccare nel Milan di oggi è anche la capacità di correre per tutta la partita: "Anche in questo devo fare i complimenti a staff e giocatori - il commento di Pioli - chi aveva una cyclette, un tapis-roulant, un garage, un giardino o un corridoio non è mai mancato nelle sedute collettive che facevamo in collegamento video. Ora l'aspetto fisico è importante, però la squadra è molto più consapevole, si conosce di più, sta meglio in campo. Mi fanno piacere i complimenti, può succedere di tutto ma dobbiamo stare molto attenti perché dobbiamo restare a questo livello". Napoli, Parma, Bologna, Sassuolo, Atalanta, Sampdoria e Cagliari. Pioli elenca a memoria i prossimi avversari, con un messaggio ai suoi: "Dobbiamo stare sul pezzo".

SERIE A: SCELTI PER TE