Sarri dopo Juventus-Atalanta: "Punto meritato contro una delle squadre migliori d'Europa"

Serie A

L'allenatore bianconero è soddisfatto dopo il punto ottenuto in extremis contro i nerazzurri: "Partita con un coefficiente di difficoltà altissimo, ma siamo usciti bene alla distanza e a un certo punto pensavo di riuscire a vincere. Pjanic? Affaticamento muscolare, non l'ho voluto rischiare"

La Juventus porta a casa un punto sofferto, ma estremamente importante contro l'Atalanta. I bianconeri mantengono invariati i nove punti di vantaggio sui nerazzurri e allungano a +8 sulla Lazio, ancora seconda in classifica, nonostante la sconfitta nella gara della 17.30 contro il Sassuolo. Un margine che potrebbe quasi risultare decisivo a sei giornate dalla conclusione del campionato. Maurizio Sarri, intervenuto nel post partita, mantiene però ancora un profilo basso e non vuole ancora sentir parlare di scudetto ipotecato: "Abbiamo affrontato una delle squadre più in forma d'Europa in questo momento, era una partita con un coefficiente di difficoltà enorme. Abbiamo fatto l'errore di voler la palla addosso e con la loro aggressività è stato un grandissimo rischio. Nel secondo tempo abbiamo giocato meglio, con più energia e alla fine abbiamo meritato il pareggio. Prima di subire il 2-1 pensavo di vincerla, ma è un punto importante. Quanto pesa? Un punto, eravamo a +7 e ora siamo a +8".

"Mai avuto dubbi sulla condizione fisica. Pjanic? Non stava bene"

vedi anche

Juventus-Atalanta 2-2, gol e highlights

Una gara nella quale è uscito lo spirito di gruppo e la tenuta atletica del gruppo bianconero, come ha sottolineato Sarri: "Era chiaro che ci sarebbero state delle difficoltà, ma non avevo dubbi sulla condizione fisica dopo la sconfitta di Milano. Quello è stato uno svenimento, più che un calo fisico. Stasera eravamo un po' meno freschi all'inizio, ma siamo andati meglio sul piano della tenuta e nel finale di gara stavamo bene". Infine, l'allenatore bianconero ha analizzato la prestazione di alcuni singoli, in particolar modo gli attaccanti: "Era una partita difficile per Ronaldo e Dybala, soprattutto per Paulo viste le sue caratteristiche. Nella parte finale abbiamo provato con Higuain ad aprire più spazi per Cristiano. Pjanic fuori? Non stava benissimo, aveva un affaticamento all'adduttore e in questo momento un infortunio muscolare rischia di costare tantissime partite. Non abbiamo voluto correre nessun tipo di rischio".

Bonucci: "Vittoria del gruppo, punto importantissimo"

Nell'immediato post partita è intervenuto anche Leonardo Bonucci, che considera il punto ottenuto contro l'Atalanta come un passo importante verso lo scudetto: "E' sempre dura giocare contro di loro, abbiamo fatto un grande lavoro di sacrificio. Ho stretto i denti dopo tre giorni in cui non mi sono allenato, ma era troppo importante giocare stasera e ottenere il risultato. Stasera ha vinto il gruppo e abbiamo portato a casa un punto importantissimo". Un 2-2 che permette di guadagnare ancora rispetto alla Lazio e di tenere invariato il distacco dall'Atalanta. +8 sui biancocelesti e +9 sui nerazzurri a sei giornate dalla fine, un vantaggio che potrebbe essere decisivo: "Il pareggio mantiene a distanza Lazio e Atalanta, adesso recuperiamo le energie e pensiamo a mercoledì, incontriamo il Sassuolo che è in grandissima forma. Sarà difficile portare a casa il risultato".

SERIE A: SCELTI PER TE