Spal-Inter, Conte: "Moses recuperato, Lukaku e Barella tornano contro la Roma"

Serie A

L'allenatore nerazzurro avverte i suoi alla vigilia del match di Ferrara: "Dovremo dimostrare la stessa voglia che abbiamo sempre avuto". Poi sugli infortunati: "Lukaku speriamo di averlo quanto prima, Barella mi auguro sia a disposizione per la Roma, Sensi si sta curando"

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 33^GIORNATA

SPAL-INTER LIVE

Torna in campo l'Inter, che deve rispondere alla vittoria dell'Atalanta sul Brescia per riprendersi il secondo posto in classifica. 68 punti in 32 giornate, 18 giocatori diversi andati a segno e soltanto 4 ko come la Juventus: "Numeri che testimoniano ciò che di ottimo la squadra sta facendo - ha spiegato Antonio Conte a Sky Sport - bisogna vivere il tutto come uno stimolo per proseguire così ma anche meglio". Dopo i passi falsi con Bologna e Verona, i nerazzurri hanno reagito con il 3-1 al Torino: "Contro la Spal dobbiamo arrivare con la stessa voglia che stiamo dimostrando di avere, facendo il massimo e provando ad ottenere i tre punti, che sarebbero importanti". Quasi un testa-coda a Ferrara, perché la squadra di Di Biagio è ultima in classifica: "Ma loro avranno grandi stimoli perché affrontano l'Inter - ha continuato - per cui servirà avere grande attenzione. Il nostro atteggiamento conterà molto". 

"Moses a disposizione. Barella e Lukaku..."

vedi anche

Inter, un poker nella Hall of Fame: guida Milito

Non ci si ferma mai, in campo si va una volta ogni tre giorni: "Viene fatto un lavoro importante, per il quale devo ringraziare il mio staff. Ne serve uno di qualità e io ce l'ho". Poi chiosa sugli infortunati: "Moses è a disposizione, Barella ha ricominciato ad allenarsi con la palla e ci auguriamo di riaverlo con la Roma. Sensi sta continuando a fare delle cure, Lukaku sta smaltendo la contrattura e speriamo di averlo quanto prima. Vecino ha sempre questo problema al ginocchio e non posso dare informazioni certe”. Sulla panchina della Spal ci sarà Di Biagio, allenatore dell'Italia U21 quando sulla panchina di quella dei grandi c'era proprio Antonio Conte: "E' un ragazzo serio e preparato, che sa quello che vuole. Ha ereditato una situazione abbastanza delicata, ma sono esperienze che ho fatto anche io e che vanno fatte".