Roma, Zaniolo contro la Juve "si gioca" il Siviglia

Serie A

Angelo Mangiante

©LaPresse

Sette mesi dopo l'infortunio, il talento giallorosso giocherà titolare contro la Juventus: Fonseca lo osserva da vicino, pronto a puntare su di lui contro il Siviglia in Europa League. "Per Nicolò sarà una partita importante per recuperare la condizione fisica", le parole dell’allenatore giallorosso

JUVE-ROMA LIVE

Un cerchio che si chiude. Da quel 12 gennaio in cui Zaniolo aveva provato anche lì, con la sua accelerazione nei dribbling, a saltare mezza Juventus. Una corsa fermata però dalla rottura del crociato. Il primo grave infortunio a vent'anni. Fino alla volontà di tornare, 7 mesi dopo, per la prima volta titolare, proprio contro la Juventus, pur con la prudenza, come sempre, dell'allenatore. “Sta meglio, col Torino ha giocato bene, domani per lui è una partita importante per recuperare la condizione fisica in vista del Siviglia, dove credo che potrà giocare. La prossima gara con la Juve può essere adatta a lui, vediamo", ha ammesso Fonseca prima della sfida contro i bianconeri.

leggi anche

Fonseca esulta: "Ora possiamo pensare al Siviglia"

Due assist e 6 gol un anno fa, tre assist e 8 reti in questa stagione, pur giocando complessivamente 5 partite in meno. Nel maxi turnover previsto da Fonseca contro la Juventus, Zaniolo si gioca la possibilità di essere poi protagonista anche nell'attesissima sfida di giovedì contro il Siviglia, nell'impresa ancora possibile in Europa. “Partite come quella contro la Juve sono importanti per dare minuti a chi non ha giocato molto ultimamente. Vogliamo avere tutti i giocatori preparati in vista del Siviglia”, il pensiero dell’allenatore giallorosso.

In una partita contro la Juventus che potrebbe essere l'ultima con la Roma per Chris Smalling. Non c'è ancora l'accordo con il Manchester United che chiede 20 milioni + 5 di bonus e la differenza economica rimane ampia a un passo della deadline, lunedì, per presentare la lista Uefa e giocare l'Europa League. Una corsa contro il tempo sempre più difficile.

SERIE A: SCELTI PER TE