Inter e Conte, gli scenari dopo le dichiarazioni di Bergamo

Serie A
Matteo Barzaghi

Matteo Barzaghi

©Getty

La video analisi delle dure parole dell'allenatore dopo la gara contro l'Atalanta ("club debole, scarsa protezione a me e alla squadra. A fine anno farò le mie valutazioni") e di quello che potrà succedere dopo il confronto con la dirigenza nerazzurra

INTER-GETAFE LIVE

La frattura è difficilmente ricomponibile. Conte e l'Inter sono oggi più lontani che mai.  Con l'intervista post Atalanta Conte ha scoperto le sue carte. Le famose valutazioni da fare a fine stagione hanno definitivamente preso forma. E la conclusione è che all'Inter in questo momento c'è una netta e profonda contrapposizione tra la parte sportiva e quella dirigenziale. Chi sta in campo e chi dietro la scrivania.

La posizione di Conte

VIDEO

Lo sfogo di Conte a Bergamo

Un altro anno così, da parafulmine come dice lui, Conte non lo vuole fare. Lamenta mancanza di protezione nei momenti critici, una gestione soft nelle questioni extracampo (vedi calendari), in sintesi una società non abbastanza agguerrita e pronta per vincere. Più le diverse vedute sulla costruzione della squadra, il cosiddetto pacchetto preconfezionato trovato ad Appiano e la pianificazione della prossima stagione.

La posizione della dirigenza

I dirigenti invece pensano di aver dimostrato la loro ambizione scegliendo proprio Conte. Mettendogli a disposizione risorse, prendendo Lukaku per esempio, esaltandone la voglia di vincere e tollerandone gli sfoghi senza mai intervenire. Nemmeno dopo Dortmund. Ma qui il mercato non c'entra e lo scenario futuro diventa sempre più delineato. 

Così difficilmente si va avanti

VIDEO

Gli highlights di Atalanta-Inter

O cambia qualcosa in modo clamoroso e le tensioni rientrano o l'Inter dovrà pensare a un altro allenatore con la sagoma di Allegri sempre sullo sfondo e in pole position. In attesa del verdetto dell'Europa League, rimane un ultimo capitolo: quel confronto che l'allenatore ha chiesto anche pubblicamente al presidente Zhang. Vorrebbe un canale diretto e una via spianata per portare la sua visione. Altrimenti la strada di Conte e quella dell'Inter potrebbero separarsi a fine stagione dopo un secondo posto e tanti rimpianti.

SERIE A: SCELTI PER TE