Fiorentina-Torino, Giampaolo: "Ora scopriamo chi siamo. Sirigu? Nessun caso"

Torino
©LaPresse

L'allenatore dei granata alla vigilia dell'esordio in campionato contro la Fiorentina: "Io fermo da quasi un anno, c'è adrenalina. Abbiamo fatto solo tre amichevoli, ma alla squadra ho detto di giocare e di non farsi dominare". E sui viola: "Si sono rinforzati e hanno qualità"

FIORENTINA-TORINO LIVE

L'ultima partita di Marco Giampaolo in Serie A risale al 5 ottobre 2019. Sedeva sulla panchina del Milan e il successo sul Genoa non bastò per evitare l'esonero. Ora guida il Torino e sabato, alle 18, aprirà il nuovo campionato al Franchi, contro la Fiorentina: "Sono fermo da quasi un anno, c'è adrenalina ed è giusto che sia così - le sue parole nella conferenza stampa della vigilia - se le partite non mi scuotessero, allora ci sarebbe un problema. Per fortuna non è il mio caso". Dall'altra parte ci sarà un avversario temibile: "I viola sono una squadra forte e rodata, che si è rinforzata e ha grande qualità. Lo sappiamo ma voglio che i ragazzi giochino la loro partita. Glielo dico sempre: bisogna giocarla noi la gara, non farci dominare da questa. E’ una differenza sostanziale, alla fine non bisogna avere recriminazioni perchè si è dato tutto". Il coronavirus ha obbligato i granata a rinviare diverse amichevoli: "Ne abbiamo fatte solo tre, quindi non sono in grado di capire il livello dela squadra - ha proseguito Giampaolo - mi baso sugli allenamenti e i ragazzi hanno lavorato bene. Adesso dobbiamo andare a scoprire chi siamo e lo vogliamo fare con orgoglio". 

"Obiettivi? Niente proclami"

vedi anche

Iachini: "Chiesa esemplare, penso che resti"

Fra campo e mercato. Da una parte è tempo di pensare alla formazione anti Fiorentina: "Rincon gioca, è un grande professonista. Verdi è a disposizione, come Edera e Falque. Di loro tre uno non sarà convocato. Belotti e Zaza? Lavorano bene, i report sono positivi. Quando non ne avranno più, li cambieremo con altri due". Dall'altra le trattative fanno da sfondo, come quella per Ferrari del Sassuolo: "Ma parlo di quelli che ho - sottolinea Giampaolo - nel ruolo di terzino sinistro ho l’opzione Murru, Ansaldi, Vojvoda. Uno dei tre giocherà dall’inizio". Chi al Torino, invece, è rimasto è Sirigu: "Appena sono arrivato, ci ho parlato. Non mi ha mai detto di voler andare via. Non c'è nessun caso". Infine gli obiettivi: "Non sono in grado di stabilirli, devo avere riscontri dalla squadra. Le mie parole ora sarebbero solo proclami e non fanno parte del mio modo di essere".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche