Inter, Sanchez a Sky: "Sto bene e ho voglia di giocare. Vidal? Come lui ce ne sono pochi"

esclusiva

L'attaccante cileno ha parlato in esclusiva a Sky Sport: "Mi sento bene, più gioco e più posso contribuire con gol e assist". Poi su Vidal: "Lo conosco da 15 anni, capisce il calcio come pochi al mondo". E sullo scudetto non si sbilancia: "È ancora presto"

LE PROBABILI FORMAZIONI

La scorsa stagione si era infortunato in nazionale, saltando tutta la prima parte dell'anno e costringendo agli straordinari il duo Lautaro-Lukaku. In questo 2020-21 Conte ha da subito un Alexis Sanchez in grande condizione. "Sono felice, mi sento in forma, ho voglia di giocare. Più gioco, più mi sento bene e posso aiutare la squadra con gol e assist – ha detto il Niño Maravilla in esclusiva a Sky Sport -. Sono contento anche per i miei compagni, per come abbiamo iniziato. Con la Fiorentina abbiamo fatto una rimonta nel finale e non era semplice. Stiamo facendo bene, ma possiamo fare ancora meglio". Sanchez torna anche sul suo passaggio all'Inter nello scorso mercato. "Dopo lo United volevo respirare un’altra aria e quando sono arrivato all’Inter ho trovato un allenatore che non molla mai - ha proseguito l'attaccante -. Anche i giocatori hanno voglia di imparare e di vincere qualcosa. L’Inter è una famiglia: non solo i giocatori, anche gli chef e chiunque lavora per questa società".

"Vidal capisce il calcio come pochi al mondo"

leggi anche

Lukaku miglior giocatore dell'Europa League 19/20

L’Inter ha iniziato il campionato con due vittorie contro Fiorentina e Benevento, nove gol fatti e 5 subiti. La Juventus è già a -2 dai nerazzurri, ma Sanchez non vuole ancora parlare di scudetto. "È troppo presto, bisogna vedere più avanti", ha risposto l’ex Barcellona e Arsenal. Impossibile non parlare del suo connazionale Vidal, appena sbarcato ad Appiano. "Conosco Arturo da 15 anni, è un giocatore che capisce il calcio. Difficile trovare uno così nel panorama mondiale, ha una grande visione di gioco". Infine una battuta sui compagni di reparto, Lukaku e Lautaro. "Sono una potenza, si completano l’un l’altro: siamo un bell’attacco".