Verona-Genoa, Maran: "Giorni difficili, abbiamo ancora scorie". Juric: "Partita seria"

Serie A
©LaPresse

L’allenatore dei rossoblù si è soffermato sulla situazione complessa che ha vissuto la squadra: "Ogni sera temevamo di perdere un giocatore". Juric ha ragionato sulla crescita della squadra: "Questi sono giovani, partono da zero: serve pazienza"

VERONA-GENOA 0-0, GLI HIGHLIGHTS

Una prova di spessore, considerando tutte le difficoltà, per il Genoa di Rolando Maran contro il Verona. I rossoblù sono tornati in campo dopo aver recuperato molti giocatori che erano risultati positivi al coronavirus. Ed è questo l’aspetto principale su cui si sofferma l’allenatore, nell’analisi della gara: "È stata una prestazione positiva, abbiamo vissuto venti giorni incredibili. Avevamo il timore di perdere un giocatore ogni sera e questo ha lasciato delle scorie sia dal punto di vista fisico che psicologico, per chi ha continuato e chi è rimasto a casa. Le energie residue le abbiamo messe in campo, l'abbraccio finale testimonia tutto questo. Speriamo di recuperare presto i positivi, dopo la partita col Napoli non c'è stata pace. Ma queste risposte sul campo mi fanno stare tranquillo". Adesso l’obiettivo è ritrovare subito la condizione adatta. "Cercheremo di riatletizzare la squadra il prima possibile. Pensiamo a lavorare per bene, sarà una settimana di sacrificio" ha concluso Maran.

Juric: "Prestazione seria, ci è mancato il gol"

vedi anche

Sfogo Perin: "Stufi di passare per superficiali"

Ivan Juric, al termine della gara, ha riflettuto sul nuovo corso del suo Verona. "Abbiamo fatto una partita seria e sono contento. Perin ha fatto delle grandi parate. È normale avere poca fluidità. Ci è mancato il gol, se l'avessimo fatto era una grandissima prestazione. Deve esserci pazienza per una squadra che deve salvarsi, è un'annata diversa: non sono arrivati top player ma giocatori che partono da zero" ha spiegato l’allenatore in conferenza stampa. Tra questi, c’è anche il classe 2000 Matteo Lovato: "È cresciuto, ma Kumbulla è un fenomeno, faceva alla perfezione ciò che gli veniva chiesto. In Matteo crediamo molto, ma probabilmente sarà una strada più lunga rispetto a quella di Marash". Infine, un pensiero per Nikola Kalinic, su cui Juric punta molto: "Può dare ancora tanto, non si fa calcio champagne ma si lavora. Spero che migliorando di condizione possa darci una grande mano".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche