Il Milan di Pioli: tutti i numeri di una squadra "non normale"

MILAN
©Getty

Con il successo in Europa League i rossoneri hanno portato a 21 la striscia di risultati utili consecutivi. Tutti i numeri degli uomini di Pioli, che ha plasmato una "squadra non normale"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Al termine della gara di Europa League a Glasgow contro il Celtic la soddisfazione in casa Milan era evidente. Un 3-1 in trasferta conquistato grazie a una vera e propria prova di maturità da parte di una squadra che, arrivata al ventunesimo risultato utile consecutivo, sembra essere diventata una macchina perfetta. Merito soprattutto di Stefano Pioli, che ha elogiato i suoi con parole chiare: "Abbiamo giocato con qualità e personalità - ha detto l’allenatore ai microfoni di Sky Sport -, dopo una vittoria come quella arrivata nel derby poteva esserci un calo di motivazioni, invece a noi non è successo e abbiamo avuto il giusto approccio. Era molto importante dimostrare di non essere una squadra normale: lo abbiamo fatto". Parole forti che trovano totale riscontro nei numeri.

I numeri del Milan

HIGHLIGHTS

Il Milan non si ferma più, battuto 3-1 il Celtic

Proprio così, perché lo score dei rossoneri dopo il lockdown è straordinario. Il Milan, infatti, non perde dallo scorso 8 marzo (ko in campionato a San Siro contro il Genoa 1-2) e con la vittoria di Glasgow - come già precisato - la striscia di risultati utili consecutivi è arrivata a quota 21. In queste partite sono arrivate ben 17 vittorie e appena 4 pareggi (contro Juventus, Spal, Napoli e Atalanta), per una media punti di 2,62 a gara. Importante anche il dato relativo ai gol: 54 quelli fatti, 19 quelli subiti.

Stagione d'oro

IL PERSONAGGIO

Gol contro e gol per il Milan: un mese di Hauge

Nella stagione in corso, poi, il cammino del Milan - attualmente a punteggio pieno in testa alla classifica di Serie A - è stato impeccabile. I rossoneri hanno vinto tutte e 8 le gare disputate (considerando anche il successo ai rigori contro il Rio Ave nei playoff di Europa League), segnando 19 gol (2,4 a partita) e subendone appena 6 (0,28 a partita). Inoltre nel Milan sono andati a segno 10 giocatori diversi in tutte le competizioni, più di ogni altra squadra italiana, segno di come tutti - o quasi - gli uomini a disposizione di Pioli rivestano un ruolo determinante nella rosa. Sui 27 totali (compresi i 3 portieri), l'allenatore ha infatti già mandato in campo 22 giocatori (21 su 24 di movimento): oltre ai due portieri Tatarusanu e Antonio Donnarumma, gli unici a non aver ancora avuto minutaggio sono stati Conti, Musacchio e Kalulu.

Dato storico

Infine un dato statistico che rende ancor più esaltante questo inizio di stagione del Milan. I rossoneri, considerando tutte le competizioni, non segnavano almeno due gol in 10 partite consecutive dal dicembre 1964, 56 anni fa. Ennesima prova che Stefano Pioli ha plasmato una grande squadra. O meglio, con le sue parole, una squadra "non normale".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche