Squalificati Serie A, le decisioni del Giudice Sportivo: 1 giornata a Insigne

Serie A

Un turno di squalifica per Lorenzo Insigne, dopo l'espulsione per proteste durante Inter-Napoli. Il capitano azzurro dovrà pagare anche un'ammenda di 10mila euro. Mano pesante del Giudice Sportivo invece per Barak, che dovrà scontare tre giornate di squalifica dopo il rosso in Verona-Sampdoria

LAZIO-NAPOLI LIVE

Sono arrivate le decisioni del Giudice Sportivo, che ha fermato Lorenzo Insigne per una giornata dopo il cartellino rosso ricevuto dall'arbitro Massa durante Inter-Napoli. Il capitano azzurro, si legge nel comunicato, "ha rivolto espressioni irrispettose verso il Direttore di gara con gestualità plateale". Oltre al turno di squalifica che non gli permetterà dunque di disputare la sfida di domenica sera contro la Lazio, Insigne dovrà anche pagare un'ammenda di 10mila euro. Insigne potrà invece giocare Napoli-Torino, ultima gara del 2020.

3 turni a Barak

Mano pesante del Giudice Sportivo, invece, nei confronti di Antonin Barak, espulso nei minuti di recupero di Verona-Sampdoria per un fallo di reazione nei confronti dell'attaccante blucerchiato La Gumina: il centrocampista gialloblù dovra infatti saltare le prossime tre partite di campionato per aver, sempre da quanto si legge dal comunicato ufficiale, "con il pallone non a distanza di giuoco, colpito violentemente con una pedata il ginocchio di un avversario a terra".

Gli altri squalificati

leggi anche

Gattuso: "Solo in Italia si espelle per un vaffa"

Oltre a Insigne e Barak, il Giudice Sportivo ha fermato per una giornata anche Pasquale Schiattarella e Wilfried Singo, entrambi espulsi rispettivamente in Benevento-Lazio e Roma-Torino. Un turno di stop anche per Julian Chabot (Spezia) e Manuel Locatelli (Sassuolo) per aver raggiunto la quinta ammonizione in questo campionato. Inoltre, sempre per una giornata, è stato fermato anche il direttore sportivo del Benevento, Pasquale Foggia, dopo essere stato espulso per proteste durante il match contro la Lazio (il dirigente giallorosso dovrà pagare anche 5mila euro di ammenda).