Ibrahimovic: "Felice per Mandzukic, ora siamo in due a spaventare gli avversari"

MILAN

L'attaccante svedese accoglie il nuovo acquisto in casa Milan: "Sono contento del suo arrivo, così saremo in due a spaventare gli avversari". E sull'obiettivo scudetto: "Questi giovani mi motivano e io credo in Zlatan. Rinnovo? Adesso dipende da Maldini"

CAGLIARI-MILAN 0-2, GOL E HIGHLIGHTS

È uno Zlatan Ibrahimovic davvero sorridente quello che si è presentato al microfono del nostro Peppe Di Stefano pochi minuti dopo la conclusione di Cagliari-Milan. L'attaccante svedese è tornato in campo da titolare dopo 57 giorni e ha regalato i tre punti ai rossoneri con una doppietta. E adesso l'attaccante svedese si prepara ad accogliere Mario Mandzukic, già arrivato a Milano nella serata di domenica: "Sono contento per il suo arrivo, così adesso siamo in due a mettere paura agli avversari". Un acquisto che può dare qualche alternativa in più, anche in vista dei tanti impegni da qui al termine della stagione: "Stiamo facendo bene, siamo quasi a metà campionato e adesso iniziano le partite più difficili. Giocheremo tante partite, sarà un calendario molto difficile, ma con gli arrivi di Mandzukic e Meitè abbiamo più giocatori a disposizione per fare anche un po' di turnover e mantenere sempre una buona condizione fisica".

"Credi nello scudetto? Credo in Zlatan..."

leggi anche

Maldini: "Mandzu? Non bastano solo bravi ragazzi"

Ibrahimovic è poi tornato sulla gara appena conclusa contro il Cagliari, con una doppietta che riporta il Milan in testa alla classifica con tre punti di vantaggio sull'Inter: "Dovevo fare un altro gol, ma stasera ne sono bastati due per vincere. Partita difficile, non giocavo da 57 giorni ed è andata bene anche con l'uomo in meno. Questi giovani mi danno energia, mi sfidano a chi corre di più e non mollo. Gli faccio vedere che posso correre come loro. Credi nello scudetto? Credo in Zlatan". E adesso si comincia a guardare anche al futuro, con il contratto che scadrà al termine della stagione e con la possibilità di rinnovarlo per un altro anno: "Adesso dipende da Maldini, io sono molto felice di questo ritorno al Milan. Sono davvero contento".