Pioli: "Ibrahimovic-Lukaku? Non giustifico, ma Zlatan non è un razzista"

milan

L'allenatore rossonero torna sull'episodio Ibra-Lukaku: "Non è stato bello e non giustifico quanto accaduto, ma Zlatan non è un razzista. È dispiaciuto, ma carico e motivato". Su Bennacer: "Sta meglio, ma non partirà dall’inizio. Diaz out,  buon impatto di Tomori"

LUKAKU-IBRA, APERTA INCHIESTA FEDERALE

Guardare avanti iniziando dalla gara contro  il Bologna, che nelle idee del Milan dovrà essere quella del riscatto dopo il ko in campionato contro l’Atalanta e l’eliminazione dalla Coppa Italia contro l’Inter. "Abbiamo fatto finora un ottimo percorso, rispetto a un anno fa abbiamo 18 punti in più. Siamo arrivati a 16-17 punti differenza da Juve e Inter nell'ultimo campionato, quindi il gap c'è. Noi stiamo lavorando per limare la differenza. Le prime 7 del campionato sono molto forti. Non dobbiamo guardare indietro, ma solo avanti. Pensiamo al Bologna che gioca un calcio intenso, servirà una grande prestazione per vincere. Dobbiamo mantenere il giusto equilibrio", ha ammesso Stefano Pioli in conferenza stampa in vista della gara del Dall’Ara, in programma sabato alle ore 15.

"Ibra  è carico e determinato"

la decisione

Ibra e Lukaku, un turno a testa dopo la rissa

Milan che punta anche sulla voglia di riscatto di Ibrahimovic, protagonista in negativo di uno spiacevole episodio insieme a Lukaku ed espulso nel derby di Coppa Italia contro l’Inter: "E' dispiaciuto per l'espulsione, ma molto carico e determinato per la partita di domani", ha affermato Pioli. Che ha poi aggiunto: "Non ci siamo detti nulla di particolare, da queste situazione ritroverà forza e determinazione. È tranquillo e motivato. Quanto successo con Lukaku non è stato bello, non giustifico l’accaduto ma sono cose che possono capitare in campo. Ibra non è certamente un razzista, ora mettiamo un punto su questa vicenda”. Pensiero di Pioli che si sposta ai prossimi impegni: "La squadra c'è e abbiamo le qualità per continuare a migliorare. Gli avversari ci sono anche e quindi dobbiamo continuare a lavorare. Arrivare in Champions non sarà facile, ma abbiamo le qualità per raggiungere questo obiettivo".

"Bennacer migliora. Buon impatto di Tomori"

leggi anche

Mihajlovic: "Non incontreremo un Ibra più nervoso"

L’allenatore rossonero ha fatto il punto dall’infermeria: "Bennacer sta meglio, ma è stato fuori per tanto. Se farà tutto l’allenamento in gruppo verrà convocato, ma non credo possa partire titolare. Diaz ha avuto un fastidio muscolare che verrà rivalutato la settimana prossima. Kjaer è un giocatore importante, spero che la sua assenza non duri a lungo, ma se siamo primi è perché abbiamo fatto bene anche senza giocatori importanti. Prima avremo tutta la rosa a disposizione, spero entro in paio di settimane, meglio sarà per cercare di essere sempre più competitivi". Milan che in difesa potrà contare su Tomori: "L’ho visto molto bene, è entrato in una gara complicata e lo ha fatto dopo pochissimi allenamenti con la squadra. Ha delle belle qualità e voglia di imparare, si è presentato bene sotto tutti i punti di vista". Chiusura su Rebic e Mandzukic: "Normale perdere qualcosa quando si è costretti ad allenarsi a casa col Covid, ma sta migliorando e farà bene nelle prossime partite. Mandzukic ha avuto un problema alla caviglia contro l’Atalanta, ieri si è allenato e stava meglio. Se anche oggi lavorerà in gruppo allora domani potrà essere convocato".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.