Milan-Crotone, Pioli: "Siamo a metà salita, non possiamo accontentarci ora". Video

milan

Vigilia della partita contro il Crotone per il Milan. L'allenatore ha le idee chiare: "Siamo a metà della salita, le pendenze più difficili devono arrivare. Nel girone di ritorno tutte le squadre sono più motivate. che gli scontri diretti, saranno determinanti le ultime 5-6 partite. La pressione dell'Inter per noi è un privilegio". Formazione: dubbi Calhanoglu e Bennacer

LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 21^ GIORNATA

MILAN-CROTONE LIVE

"Siamo a metà della salita, le pendenze più difficili devono arrivare. Nel girone di ritorno tutte le squadre sono più motivate, anche per questo dobbiamo alzare il nostro livello, tecnico, tattico e organizzativo". Stefano Pioli non ha dubbi nella conferenza di presentazione di Milan-Crotone, partita in programma allo stadio Giuseppe Meazza di Milano domenica 7 febbraio per la 21^ giornata di campionato (diretta su su Sky Sport Serie A e Sky Sport 251). "Dobbiamo provare a mettere in campo più intensità e qualità dei nostri avversari per vincere. Le difficoltà aumenteranno d'ora in poi, non possiamo accontentarci ora". 

"Pressione Inter? Conta essere primi domani sera"

leggi anche

L'Inter si prende la vetta, Fiorentina battuta 2-0

L'allenatore rossonero si è anche concentrato sulla classifica, con l'Inter che ha temporaneamente sorpassato il Milan con la vittoria di Firenze. "Pressione dall'Inter davanti a noi in classifica? Continuo a pensare, e devono farlo anche i giocatori, che questo sia un privilegio. Già altre volte è capitato che l'Inter giocasse prima di noi ma siamo concentrati solo sul giocare bene la partita di domani, con intensità e qualità. Quando abbiniamo questi due fattori aumentiamo le possibilità di vittoria".  Cercando lo stimolo in "noi stessi - assicura l'allenatore - domani giochiamo una partita in casa, abbiamo cominciato bene vincendo a Bologna poi dobbiamo proseguire la nostra corsa. La classifica è parziale,  non ci interessa. Dobbiamo mettere in campo la miglior prestazione possibile. Sino a ieri eravamo primi in classifica e sarebbe importante esserlo anche domani sera. Avere una settimana per preparare la partita è stato strano, non ci succedeva da tantissimo tempo. Quando giochi ogni tre giorni è complicato, giochi, recuperi e giochi di nuovo".

"Ibra determinante, dubbi Calhanoglu e Bennacer"

Pioli si è concentrato anche sui singoli, a partire da Ibra. "L'ho visto molto determinato a Bologna, nella manovra e mi è piaciuto tutto quello che ha fatto. Abbiamo creato 10 occasioni da gol, che in Serie A è difficilissimo e significa che tutta la squadra è stata incisiva". Dubbi per quanto riguarda Calhanoglu e Bennacer: "Calha ha avuto qualche sintomo per il Covid, qualcosa questa situazione te la porta via sul piano della condizione e valuterò se schierarlo dall'inizio o a partita cominciata. Bennacer oggi non si è allenato perché ha avuto un inizio di bronchite, quindi è tutto da valutare. Il suo ritorno una pressione per Tonali? Le pressioni ci sono per tutti, a questi livelli come dice Zlatan 'o mangi o vieni mangiato'. E se non mangi, sono pronti a mangiare gli altri. A noi il coraggio non è mai mancato. Non è mancato a me nelle scelte, ho giocatori di qualità disposti a sacrificarsi per il bene della squadra. C'è una regola semplice nel calcio: la domenica è il risultato di come ti alleni in settimana e in settimana ti alleni come vuoi giocare la domenica".

"Determinanti le ultime 5-6 gare di campionato"

leggi anche

Capello a Milanello: "Una squadra felice". VIDEO

L'allenatore del Milan mostra grande rispetto per il Crotone: "Si tratta di una squadra che gioca bene. Non so che tipo di attaccanti troveremo, hanno aumentato le loro soluzioni con il mercato e dovremo essere compatti e bravi nelle pressioni e nelle giocate facendo la miglior partita possibile dal punto di vista tecnico". Non nasconde Pioli che "il fatto di aver perso le ultime due partite giocate a San Siro deve essere uno stimolo per migliorare i risultati in casa. Qualche rimpianto per i pareggi con Verona e Parma lo abbiamo". Occhi sugli obiettivi stagionali: "Tutte le prime sette in classifica secondo me potranno vincere lo scudetto e arrivare in Champions League. Vanno tutte sfidate fino alla fine. Non vorremmo far parte delle tre deluse alla fine del cammino. Più che gli scontri diretti, saranno determinanti le ultime 5-6 partite". C'è spazio anche per un riferimento per la visita di Fabio Capello a Milanello: "Essere seguiti con questa attenzione da ex allenatori del Milan e grandissimi nomi del mondo del calcio ci dà il senso di quello che stiamo facendo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.