Bologna-Samp, Mihajlovic: "Caniggia aveva dato il numero del cellulare e Boskov..."

Serie A

Parlando della gestione dei social da parte dei giocatori al giorno d'oggi, l’allenatore ha raccontato una storia che risale al 1992: "Erano appena usciti i cellulari. Boskov chiamava ogni giorno alle 23 al numero fisso di tutti. Caniggia gli aveva dato il suo numero mobile e gli diceva sempre di essere a casa. Per questo pensava che fosse l'unico professionista". E sulla partita contro la Samp: "È un’ottima squadra con tante soluzioni" ha avvertito Mihajlovic

BOLOGNA-SAMP LIVE

Nella vita di oggi, i social e i cellulari fanno parte del quotidiano di tutti. Compreso quello dei giocatori. Per questo, durante la conferenza stampa di presentazione alla sfida con la Sampdoria, a Sinisa Mihajlovic è stato chiesto come gestisce l’uso di questi strumenti con i suoi giocatori. L’allenatore del Bologna ha raccontato un aneddoto di quando giocava nella Roma: "Era il 1992 ed erano appena usciti i cellulari. Come tutti gli allenatori dell'epoca, Boskov chiamava a casa alle 23 per vedere se fossi uscito o no. Una sera andai a cena con Caniggia, tornai per le undici e mezza e la governante mi disse che aveva chiamato. Provai a richiamarlo ma non mi rispose. Il giorno dopo era incazzato: 'Voi non siete professionisti! Sinisa, tu dov'eri ieri?'. Gli dissi che ero andato a mangiare, ma non ero tornato di notte. 'Siete tutti così, qui il più grande professionista è Claudio'. Com'è possibile? Lui era a cena con me, ma per Boskov era rimasto a casa. Così chiesi spiegazioni a Caniggia. 'Io gli ho dato il numero di cellulare, così quando mi chiama gli dico che sto sempre a casa' mi rispose. All'epoca i telefoni non li conoscevano tutti".

La visita in ospedale di Morandi e Ferrero

vedi anche

Roma con Dzeko. Juve c'è Kulusevski. Le probabili

Mihajlovic poi ha raccontato un’altra storia, più recente, di quando Massimo Ferrero andò a fargli visita quando era ricoverato in ospedale e lì incontrò Gianni Morandi. "Ero in ospedale e stavo male, una mattina mi chiamò Ferrero chiedendomi dove fossi. 'Aspettami che arrivo'. Era a Roma, si mise in treno e venne. Mi chiamò anche Morandi per passarmi a trovare e arrivò prima lui. Poi s'incontrarono in ospedale, non sapevo che si conoscessero. Sono state le due ore più belle della mia vita da degente, sembravano i due vecchietti dei Muppet e io lì a ridere" ha proseguito l’allenatore.

Verso la sfida con la Sampdoria

vedi anche

Bologna, l'ultimo saluto a Mirko Pavinato

Quindi, Mihajlovic ha analizzato l’avversario, la Sampdoria di Claudio Ranieri. "È un'ottima squadra con ottimi calciatori, ha tante soluzioni e può fare diversi moduli sia a partita in corso che dall'inizio. La partita è stata preparata bene, sappiamo cosa dobbiamo fare noi e cosa faranno loro. Siamo una squadra che, se gioca come stiamo facendo, ha molte possibilità" ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport