Roma, Kumbulla: "Tornare in campo dopo il Covid non è facile, ha cambiato la mia stagione"

roma
©LaPresse

Il difensore giallorosso ha raccontato la propria esperienza alla prese con il Covid dello scorso novembre: "Tornare ad allenarsi ad alta intensità non è facile, mi sentivo molto stanco". Sulla scelta di andare alla Roma: "Ho preferito rimanere in Italia e ho fatto bene. L'inizio non è stato facile, ma ora sono felice". Infine svela il suo giocatore preferito: "Mi ispiro a Van Dijk"

COVID: DATI E NEWS IN DIRETTA

Arrivato in estate dal Verona, la prima stagione di Marash Kumbulla con la maglia della Roma è stata fino a questo momento caratterizzata da alti e bassi. Colpa di qualche infortunio e di una positività al Covid che lo ha condizionato nella prima parte di questa annata. Risultato positivo al tampone il 10 novembre scorso, il difensore albanese è stato costretto a rimanere in isolamento per 20 giorni, potendosi soltanto allenare individualmente a casa. Un'esperienza che lo stesso romanista ha raccontato in un'intervista al Telegraph: "Il primo giorno mi sentivo stanco, senza altri sintomi. Ma quando torni al campo d'allenamento dopo il coronavirus non è facile. Hai bisogno di ricominciare a correre e non è facile farlo ad alta intensità. Ha decisamente cambiato la mia stagione, la prima partita dopo il Covid mi sentivo molto stanco".

"Roma scelta giusta, mi ispiro a Van Dijk"

leggi anche

Problema al ginocchio per Kumbulla: "No legamento"

Kumbulla, che nelle prossime ore rientrerà a Roma per sottoporsi agli esami strumentali dopo un infortunio al ginocchio destro riportato con la nazionale albanese, ha parlato anche della sua scelta di sposare la causa giallorossa in estate: "L’anno scorso ho preferito rimanere in Italia per giocare in uno dei club più importanti della Serie A. E ho fatto la scelta giusta. Sono in una società con grande tradizione con tifosi fantastici e un progetto ambizioso. Quando sono arrivato non è stato facile perché venivo da una piccola città. A Roma tutto è più grande. È una città enorme e l’integrazione è stata un po’ complicata all’inizio ma impari presto ad adattarti a situazioni differenti e ora sono felice in questo momento della mia carriera". Ma il difensore giallorosso non chiude la porta a un futuro in Premier League: "Mai dire mai, è uno dei miei campionati preferiti. L'inglese l’ho imparato un po’ a scuola e lo parlo con Chris Smalling perché voglio migliorarlo. Guardo tante partite del campionato inglese, è quello che seguo di più dopo la Serie A. Il mio giocatore preferito? Virgil Van Dijk, guardarlo è fonte di ispirazione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.