Marotta: "Il sistema calcio rischia di fallire"

superlega

L'amministratore delegato dell'Inter a Sky Sport: "Questo progetto è naufragato perché sono stati sottovalutati tanti aspetti importanti, come la voce dei tifosi. E poi perché i club inglesi si sono defilati. Questo modello di calcio ormai è superato, non garantisce futuro. Parlo di tutto lo scenario. Consiglio Federale? Rimetterò il mio mandato ma non accetto attacchi violenti come quello di Cairo. Io non sono Giuda..."

SPEZIA-INTER LIVE

"Se è andata così vuol dire che durante il percorso è stato fatto qualche errore. Questo progetto è naufragato perché sono stati sottovalutati tanti aspetti importanti, come la voce dei tifosi. E poi perché i club inglesi si sono giustamente defilati secondo le loro logiche". Nel prepartita di Spezia-Inter l'amministratore delegato dell'Inter Beppe Marotta ha parlato a Sky Sport della Superlega e degli eventi degli ultimi giorni, fino allo stop che hanno portato prima al lancio e poi allo stop della competizione.

"Modello di calcio nazionale ed europeo è superato"

leggi anche

Gravina: "Nessuna sanzione a Juve, Milan e Inter"

Sul suo coinvolgimento nel progetto, Marotta ha spiegato che  "questa operazione è stata condotta con riservatezza dalle proprietà. Il management dell'Inter non è entrato direttamente nella questione, nonostante le informazioni arrivassero. Io e Antonello ci siamo concentrati nella gestione quotidiana del club". L'ad nerazzurro ha precisato che che "l'iniziativa è stata portata avanti dai 12 proprietari dei club alla luce della situazione del singolo club per via dei costi certi e dei ricavi incerti. Questo modello di calcio nazionale ed europeo ormai è un modello superato, gli stipendi incidono sul 60%-70% del bilancio, questo modello non garantisce futuro. Bisognava trovare la possibilità di inventare qualcosa, è stato fatto alla luce di un sistema calcio a rischio default. Parlo dell'intero scenario".

"Superlega idea nata in buona fede"

approfondimento

Così è naufragato il progetto Superlega

L'interrogativo ora è sul tentativo di ricucire i rapporti con gli altri club. "La buona fede di questa azione è nata dal fatto che i proprietari vogliono fare il bene dei propri club - è l'opinione di Marotta - perché la situazione attuale del calcio è a rischio default, anche le categorie minori certamente. Se non intervengono le istituzioni del calcio per creare un modello che crei stabilità e continuità, non si riuscirà ad andare avanti. E' impossibile sostenere certi costi ormai. Questa azione quindi, seppur scoordinata, ha un principio di buona fede ma nel massimo rispetto dei tifosi: ci sono state comunque state delle lacune, altrimenti sarebbe andato tutto diversamente".

"Consiglio Federale? Rimetterò mio mandato"

leggi anche

Maldini: "Superlega? Non sapevo, ma chiedo scusa"

Marotta ha affrontato anche le voci riguardanti le sue possibili dimissioni dal Consiglio Federale: "Essere il consigliere federale è un'attività di servizio faticosa, lo faccio per amore dello sport. Avremo una riunione e rimetterò il mandato, se la maggioranza delle società non vorrà che io continui farò un passo indietro"

Marotta: "Non sono Giuda, non capisco il suo attacco violento"

"Il principio del dissenso è un attimo democratico - prosegue Marotta -, ma non capisco l’attacco violento portato avanti da Urbano Cairo davanti a tutti. Ho ricevuto minacce pubbliche e private anonime. E' un fatto molto grave". Il presidente del Torino, parlando con l'Ansa della Superlega, gli aveva dato del "traditore". "Io non ho

tradito, non sono Giuda - replica Marotta -, ho principi morali e sono innamorato di questo sport".