Pioli dopo Lazio-Milan "Impossibile non dare fallo su Calhanoglu. Champions? Dura ma..."

MILAN

La delusione dell'allenatore rossonero dopo la sconfitta dell'Olimpico: "Dovevamo fare di più, però non capisco come si faccia a non fischiare il fallo su Calhanoglu in occasione del gol del 2-0. Adesso serve reagire subito, la corsa Champions si è complicata molto e noi dobbiamo dimostrare di essere una grande squadra. E ci sarà bisogno di tutti: Ibra dovrebbe tornare col Benevento, ma vedremo"

LAZIO-MILAN 3-0: GOL E HIGHLIGHTS

Ancora una sconfitta, la seconda consecutiva in campionato: per il Milan la corsa alla Champions si complica terribilmente. Dopo il ko con il Sassuolo, i rossoneri sono stati sconfitti all'Olimpico dalla Lazio nel Monday night della 33^ giornata di Serie A. Delusione per Stefano Pioli, che dopo il 3-0 contro i biancocelesti ha commentato a Sky Sport la prova dei suoi: "Come spesso succede, quando si perdono queste partite vuol dire che negli episodi i nostri avversari sono stati più bravi di noi. Mi aspettavo di più dalla squadra perché abbiamo le qualità per fare meglio", ha esordito l'allenatore rossonero, che si è poi soffermato sul fallo non concesso a Calhanoglu nell'azione che ha portato al 2-0 della Lazio nonostante la revisione al Var: "Non vedo come possa non essere fallo quello su Calhanoglu - ha aggiunto Pioli -, non può non essere fallo. Se ho chiesto spiegazioni? E di cosa dobbiamo parlare? Cosa spiegano? Dalle immagini che hanno rivisto è impossibile che il fallo non sia evidente. Ma comunque noi dobbiamo fare di più, ripeto che mi aspettavo di più. Ora dobbiamo essere forti come credo che siamo, bisogna reagire subito perché questa è una sconfitta pesante".

"Non abbiamo paura. Ibra? Ora c'è bisogno di tutti"

IL CASO

Lite Ibra-Lukaku, ammende per giocatori e club

Pioli è poi tornato sull'atteggiamento dei suoi: "Non è questione di paura - ha spiegato -, ma abbiamo permesso alla Lazio di giocare come predilige. Abbiamo avuto delle occasioni e bastava poco per tradurle in gol, non esserci riusciti ci ha scosso e dopo il secondo gol è diventata tutto più complicato. In occasione del primo gol subìto eravamo anche messi bene, però questa è una situazione che sta capitando troppo spesso nelle ultime gare. C’è anche la bravura dell’avversario, ma noi qualcosina in più dobbiamo fare. I nostri errori ci sono ed è chiaro che dobbiamo far meglio per chiudere bene il campionato perché non vogliamo finire con una delusione. Ma l’episodio del fallo su Calhanoglu pesa". Così come pesa l'assenza di Ibrahimovic: "In questo momento abbiamo bisogno di tutti. Zlatan è stato fuori per tante partite e non ci voleva, dovrebbe essere a disposizione per sabato con il Benevento ma vedremo nei prossimi giorni".

"Per la Champions ora è dura, dobbiamo reagire subito"

vedi anche

Volata Champions: la situazione aggiornata

In chiusura Pioli ha parlato della reazione che dovrà arrivare nelle prossime gare: "I calciatori sono delusi, era una partita importante. Non è stata pessima, ma bisogna fare di più e riprendersi subito. Ora la corsa Champions si complica molto perché gli avversari vanno forte, ma siamo lì e non dobbiamo piangerci addosso perché sappiamo cosa serve per fare meglio. So di allenare una squadra intelligente e con grande carattere, quindi mi aspetto una risposta importante. Sul fatto che la squadra saprà tirare fuori il massimo sono sicuro, ma dobbiamo tornare a vincere perché mancano poche partite e ora i punti sono pesanti. Abbiamo fatto due sconfitte che rovinano il nostro percorso, adesso dobbiamo dimostrare che siamo una grande squadra".