Inter, Marotta: "Conte? Spero resti, iniziato un ciclo. Onoreremo tutti i nostri impegni"

inter

Parla l'amministratore delegato dell'Inter: "Mi auguro che Conte resti, con lui abbiamo fatto un'impresa straordinaria nonostante un biennio caratterizzato dalla pandemia. Il club attraversa problematiche comuni ad altre società, ma le affronteremo con responsabilità e coscienza e sicuramente onoreremo tutti gli impegni. Ora godiamoci questo scudetto, non siamo in una situazione così disastrosa da cancellare con una spugna tutto quello che è stato fatto"

INTER-ROMA LIVE

L'Inter attende il finale di stagione, dopo aver festeggiato con largo anticipo il suo 19° scudetto. La società nerazzurra può quindi iniziare a pensare al futuro, seppur tra le tante difficoltà riguardanti gli strascichi che la pandemia ha lasciato dal punto di vista economico. Queste incideranno anche sulla permanenza di Conte sulla panchina dell'Inter o l'allenatore resterà? Ne ha parlato Beppe Marotta a Sky Sport: "Sia personalmente che come dirigente mi auguro resti – le dichiarazioni dell'amministratore delegato nerazzurro - Abbiamo iniziato un ciclo con lui, che purtroppo è coinciso anche con la pandemia che ha creato turbative a 360 gradi. Valutando il cammino di Conte in questo biennio, abbiamo un secondo posto, una finale di Europa League e uno scudetto conquistato con largo anticipo. La speranza è quella di continuare anche in mezzo a tante difficoltà. Quest'anno abbiamo fatto un'impresa straordinaria, chiaramente con il merito dell'allenatore e dei giocatori supportati dalla società. Però ancora non ci rendiamo conto di questa bellissima cavalcata".

"Responsabilità e coscienza, onoreremo tutti gli impegni"

approfondimento

Zhang ad Appiano, chiesta rinuncia a due mensilità

Marotta torna poi sulle difficoltà economiche del club: "Sull'Inter c'è sempre una grande lente d'ingrandimento, che magari enfatizza problematiche comuni ad altre società. Quindi affrontiamo questo problema con grande responsabilità e coscienza, poi nei tempi giusti verranno onorati gli impegni contrattuali che legano i calciatori alla società". In settimana la proprietà ha chiesto a ogni singolo calciatore di rinunciare a due mensilità: "Tutto è partito da un confronto con il presidente, che ha dato una fotografia del momento attuale del calcio, partendo ovviamente dall'Inter, ma con la massima tranquillità – prosegue Marotta - Poi ha espresso il suo desiderio e li ha sensibilizzati sul momento delicato del club, ma non ha obbligato nessuno. Sta alla coscienza di ognuno prendere una decisione. Sicuramente c'è massimo rispetto nei confronti dei giocatori, che hanno regalato alla società qualcosa di straordinario. Quindi siamo tutti contenti e, ribadisco, che l'Inter onorerà i propri impegni".

"Godiamoci lo scudetto, non cancelleremo tutto con una spugna"

approfondimento

Inter, torna il biscione sulla 2^ maglia? FOTO

Sul futuro, aggiunge: "In questo momento dobbiamo concentrarci sulle cose belle e piacevoli che abbiamo conquistato, il campionato non è ancora finito. È giusto che ci godiamo questa vittoria, poi la società comunicherà tutto quello che deve comunicare e risponderà a tutte le domande. Ma ora lasciateci un po' gioire per questo traguardo. Ora in tutti i club si fa un consuntivo e si affronta il programma in relazione al futuro. Lo faremo a tempo debito, ma non siamo in una situazione così disastrosa da cancellare con una spugna tutto quello che è stato fatto. Le difficoltà che ci sono si riscontrano in tanti club, ma dobbiamo essere ottimisti in vista del futuro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche