Milan, Scaroni: "Cauto ottimismo per il rinnovo di Kessié. Scudetto? Prematuro parlarne"

MILAN
©LaPresse

Le parole del presidente rossonero a "Radio anch'io sport": "L'obiettivo è almeno il quarto posto, Pioli ha creato un mix perfetto con i giovani. Ibra ci sorprende sempre, cauto ottimismo per il rinnovo di Kessie. Nuovo San Siro? Siamo a buon punto, tra il 2024 e il 2025 potrebbe essere pronto"

MILAN-LAZIO: GUARDA GLI HIGHLIGHTS

Tre vittorie su tre e primo posto in classifica insieme a Roma e Napoli. Il campionato è iniziato nel migliore dei modi per il Milan, sulla scia di quanto di buono fatto nella scorsa stagione. Tuttavia, per il presidente rossonero Paolo Scaroni è prematuro parlare di scudetto: "La priorità è rientrare in Champions League, il Milan deve sempre stare lì - spiega Scaroni a radio anch'io sport - Se riusciremo a fare meglio saremo contenti. L'obiettivo è almeno il quarto posto, se poi arriveremo primi sarò contentissimo. Mi auguro sempre di vincere scudetti, ma non è facile, le incognite sono molte". Scaroni, di contro, riconosce i meriti di Pioli per quanto fatto finora: "Pioli ha creato un mix perfetto con i giovani, costruendo una squadra vera, aggressiva e divertente. L'allenatore non è mai stato in bilico, il nostro è un progetto a lungo termine sin dal primo giorno. Il vantaggio che lui sia rimasto si vedrà alla lunga, la capacità di essere una squadra in campo è frutto dell'allenatore. Richiede tempo, soprattutto con i giovani, e il Milan lo sta dimostrando".

"Nuovo San Siro? Siamo a buon punto"

leggi anche

Sindaco Sala: "Escludo due stadi, troppo costoso"

"Pensiamo al Liverpool" è il messaggio lanciato da Scaroni. La Champions consente al presidente rossonero di aprire il tema relativo alla riduzione dei prezzi dei biglietti attuata dal Milan per i prossimi match a San Siro: "Il nostro è stato un segnale importante - ammette - Anche se non posso dimenticare che mercoledì andremo a Liverpool che incassa 100 milioni di euro all'anno dal botteghino, mentre noi 35 milioni. Servono nuovi stadi che consentano di raggiungere incassi a livelli europei, altrimenti i tifosi si dovranno accontentare di prestazioni non a livello europeo".

 

Proprio sul tema nuovo stadio, Scaroni ha fatto il punto sul progetto del nuovo San Siro: "Siamo a buon punto, anche se ci sono le elezioni comunali sono ottimista. Sono convinto che a ottobre faremo un passo decisivo. Dopo l'approvazione del consiglio comunale, che spero avvenga entro la fine dell'anno, serviranno sei mesi per la progettazione. A quel punto la costruzione potrebbe partire nella seconda metà del 2022 e, tra il 2024 e il 2025, potrebbe essere pronto. L'elemento che ci manca è lo stadio, i tifosi sanno che il calcio internazionale si fa con il denaro e senza soldi non si possono raggiungere i risultati che i tifosi desiderano. Parte di questo denaro deve arrivare da stadi efficienti. Le squadre di Serie A hanno più di 5 miliardi di debiti, il calcio europeo è indebitato, bisogna trovare delle soluzioni. Sarebbe l'ideale trovarle di concerno con tutte le istituzioni calcistiche".

"Ibra ci sorprende sempre. Rinnovo Kessie? Cauto ottimismo"

leggi anche

Il Milan vince e ritrova Ibra: 2-0 alla Lazio

Parlando di singoli, Scaroni ha elogiato Ibrahimovic, tornato in campo contro la Lazio e autore della seconda rete: "Ibrahimovic ci sorprende sempre, non so che cosa abbia in mente nel suo futuro - racconta Scaroni - Se decidesse di restare a Milano potrebbe dare un grande apporto al nostro Milan". Il presidente rossonero, infine, ha parlato della trattativa per il rinnovo di Franck Kessie, in scadenza a giugno 2022: "Mantengo un cauto ottimismo - conclude - Ho grande fiducia in Maldini e Massara che stanno negoziando con lui".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche