Milan: soluzioni, mentalità e Rebic. Le consapevolezze dei rossoneri e di Pioli

Serie A
©Getty

Senza Ibra e Giroud il Milan sa trovare soluzioni diverse. Il simbolo è Rebic che rende al meglio sia giocando esterno che al centro dell'attacco (e sta andando forte anche nel girone di andata). E Pioli dice: "L'anno scorso sparavamo di poter vincere contro le più forti, ora siamo certi di poterlo fare"

JUVE-MILAN 1-1: GOL E HIGHLIGHTS

Soluzioni, mentalità e… Ante Rebic. Il Milan pareggia in rimonta allo Stadium e si piazza a quota 10 punti in testa alla classifica con l'Inter (Napoli permettendo). Senza Ibra e Giroud, ma anche senza Calabria e Kjaer, perso nel corso del primo tempo. L'1-1 dello Stadium è un altro mattoncino nelle consapevolezze della squadra rossonera, dove è evidente soprattutto la capacità di trovare soluzioni diverse. I due attaccanti principali non erano nemmeno convocati per Torino. Ancora una volta lì ha giocato Rebic, risultato: due assist con la Lazio, un gol e un mezzo assist contro il Liverpool e l'incornata contro la Juve.

Rebic, dove lo metti…

Proprio l'attaccante croato è simbolo della capacità del Milan di Pioli di adattarsi. Venticinque gol col Milan, che ora è la squadra con cui ha segnato di più in carriera al pari dell'Eintracht (ma con 32 partite in meno). Quattro i centri contro la Juve (primo giocatore rossonero ad andare in rete per tre presenze di fila contro la Juventus nell'era dei tre punti a vittoria), solo al Torino ne ha fatti di più. Gol e prestazioni anche a inizio anno, lui che ha segnato ben ventuno delle ventitré reti in A nel ritorno. Ma soprattutto 15 giocando da esterno e - agendo lì meno spesso - 9 da punta (più uno in posizione di seconda punta). Insomma, dove lo metti…

I numeri di Rebic

Il mantra di Pioli

I NUMERI

Crisi Juve, da 60 anni mai così male in avvio

E poi c'è la questione mentalità, punto su cui Pioli ha lavorato moltissimo e benissimo dal suo arrivo al Milan. La figura di Ibra è stata centrale nel costruire un nuovo mantra, ben riassunto nelle parole dell'allenatore a fine match con la Juve: "Lo scorso anno dovevamo sperare in un miracolo per vincere queste partite, adesso dobbiamo essere consapevoli di poterlo fare sempre. Abbiamo provato a vincerla fino alla fine".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche