Dzeko: "All'Inter per vincere. Sono stato a un passo dalla Juventus"

inter
©Getty

L'attaccante bosniaco alla Gazzetta dello Sport: "Avrei voluto vincere dei titoli già alla Roma, sono qui per colmare questa lacuna. Il primo a chiamarmi fu Kolarov, mi disse che la società mi voleva. La Roma mi aveva venduto alla Juventus, saltò tutto perché non trovarono il sostituto. Sono stato un mese con Mourinho e mi sono divertito, Inzaghi è sincero e diretto e questo è molto importante"

INTER-JUVE LIVE

Sei gol in campionato e uno in Champions League, l'impatto di Edin Dzeko sull'Inter è stato ottimo. Dopo sei stagioni alla Roma, il bosniaco in estate si è trasferito in nerazzurro con l'obiettivo di portare a casa dei trofei, impresa che non gli è riuscita negli anni in giallorosso. "Sapevo di arrivare in un grande club, avevo in testa l’obiettivo di farmi apprezzare da subito. - le sue parole alla Gazzetta dello Sport -, Volevo solo quello, poi il resto l’hanno fatto i campioni che ho trovato qui. Avrei voluto vincere qualcosa già alla Roma, soprattutto il secondo anno avevamo una squadra molto forte. Ma diventa difficile riuscirci se ogni volta vendi i giocatori più importanti. Ora sono venuto all’Inter proprio per colmare questa lacuna, voglio dare il mio contributo per vincere. Farlo, però, non è mai facile: se l’Inter avesse mantenuto Conte, Lukaku e gli stessi dell’anno scorso, non sarebbe stata comunque scontata una nuova vittoria dello scudetto". 

"Inter, mi chiamò Kolarov. E la trattativa con la Juve..."

approfondimento

Serie A, le partite e gli orari della 9^ giornata

Dzeko racconta poi un retroscena di mercato: "Il primo a chiamarmi è stato Kolarov. È stato lui a dirmi che l’Inter era interessata, che c’era la possibilità di un trasferimento: "Qui ti vogliono, vieni". Ed eccomi qua. La chiamata della Juve? Fu la Roma a parlare per prima e a mettersi d'accordo, io non sapevo neanche della trattativa, entrai in scena solo successivamente. Poi saltò tutto perché la Roma non trovò il mio sostituto". E domenica c'è il Derby d'Italia: "Ci sono in palio punti che pesano. Non c’è tanto da inventare: dobbiamo neutralizzare quello che loro fanno bene, ovvero i contropiede. Chiellini? È tra i migliori, contro di lui ho segnato il mio primo gol in Italia, ma tante volte mi ha lasciato a secco. Ecco, per domenica posso farne a meno: vorrei vincere anche senza far gol".

"Con Mou mi sono divertito, Inzaghi sincero e diretto"

approfondimento

Milan, Ibrahimovic dal 1'? Tutte le probabili

Da un allenatore all'altro: dalla possibilità di essere allenato da José Mourinho a Simone Inzaghi, ritrovato all'Inter dopo i derby da avversari. "Mourinho mi ha allenato per un mese. Dico la verità: mi sono divertito. Mourinho è Mourinho, sempre. In privato è proprio come in pubblico. Con lui c’è tutto: sa scherzare e arrabbiarsi. Sono stati allenamenti molto belli e la squadra si divertiva. Inzaghi è molto sincero e diretto, dice sempre la verità, sia quando è piacevole sia quando non lo è. Ed è questo che ci aspettiamo, perché la verità fa sempre bene: se qualcuno non ti dice le cose come stanno non potrai mai migliorare", conclude Dzeko. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche