Inter, Vecino: "Non mi aspettavo questa situazione. A fine anno parleremo con il club"

inter

Il centrocampista uruguaiano ha giocato 287 minuti tra campionato e Champions in questo inizio di stagione: "Sto vivendo una situazione che non era quella che mi aspettavo in base a quanto mi avevano detto società e allenatore. E' chiaro se dovesse continuare così, dovrò parlare con il club e trovare una soluzione che sia la migliore per tutti". Il suo contratto scadrà il prossimo 30 giugno

Nuove gerarchie si stanno stabilendo in casa Inter, in questi primi mesi di nuova gestione targata Simone Inzaghi. Chi non è troppo contento del minutaggio avuto fino a questo momento è Matias Vecino, che durante una conferenza stampa nel ritiro dell'Uruguay ha messo in dubbio il proprio futuro in nerazzurro, qualora venisse impiegato così poco anche nella seconda parte di stagione: "Negli ultimi mesi sto vivendo una situazione che non era quella che mi aspettavo in base a quanto mi avevano detto società e allenatore a inizio stagione. Il calcio è fatto di momenti, a volte negativi e a volte positivi. E' chiaro che se questa situazione dovesse continuare, credo che con l'Inter dovremo discutere per trovare una soluzione che sia la migliore per tutti".

Contratto in scadenza: quale futuro per Vecino?

leggi anche

De Vrii torna in Italia: Inter spera per il Napoli

Parole che potrebbero far presagire a un addio a fine stagione, anche perchè il contratto di Vecino scadrà il prossimo 30 giugno e un eventuale rinnovo passerà anche da un aumento dei minuti giocati in campo dal centrocampista uruguaiano. Fino ad ora Vecino ha giocato 287 minuti tra campionato e Champions League, scendendo in campo da titolare soltanto in due occasioni (una delle quali nel 6-1 contro il Bologna, dove ha trovato il suo unico gol stagionale). E' già la seconda stagione piuttosto complicata per Vecino, che l'anno scorso ha collezionato soltanto 8 presenze in tutte le competizioni a causa di diversi problemi fisici che ne hanno condizionato il rendimento. Grande protagonista soprattutto nelle annate con Luciano Spalletti, non è più riuscito a trovare quella continuità negli ultimi due anni.