Salernitana, Perotti: "Mi trovo benissimo qui, resterei anche in caso di retrocessione"

salernitana
©IPA/Fotogramma

"El Monito" si è raccontato sulle pagine del Mattino: "Mi ero sentito abbandonato e a 33 anni non credevo di meritarlo. Per me è come ricominciare da zero, sono qui per dare tutto. Salvezza? Siamo andati vicini alla vittoria contro il Milan, possiamo farlo con chiunque"

INTER-SALERNITANA LIVE

Una delle protagoniste dell'ultima sessione di calciomercato è stata la Salernitana: la squadra di Sabatini ha effettuato diverse operazioni per provare a centrare l'obiettivo salvezza e tra queste rientra anche Diego Perotti. "El Monito", dopo aver salutato la Roma nel 2020, si era allontanato dall'Italia con un'esperienza al Fenerbache, in Turchia. "Per me è come ricominciare da zero, sono qui per dare tutto - ha dichiarato l'attaccante argentino al Mattino. Un mese fa ero a casa e ora mi godo di nuovo lo spogliatorio, l'odore dell'erba, le partite e anche il 'piacere' di prendere una botta". Gli ultimi due anni sono stati difficili per Perotti, che ha dovuto fare i conti con diversi problemi: "Purtroppo ho avuto parecchi infortuni negli ultimi due anni e problemi con la società al Fenerbache. Mi sono sentito abbandonato e a 33 anni non lo meritavo". 

"Voglio restare qui anche in caso di retrocessione"

leggi anche

La classifica del ritorno: Atalanta appena 16^

Dopo la Turchia il ritorno in Italia da svincolato, grazie a un intuizione di Walter Sabatini: "Per me il direttore è il numero uno, sono tornato a giocare grazie a lui altrimenti avrei smesso. Gliene sarò sempre grato perché è una scommessa prendere uno che non gioca da oltre un anno. Mi ha chiamato e il giorno dopo ero a Salerno". L'arrivo in granata per provare a centrare l'obiettivo salvezza: "Non dipende solo da noi, mancano tante partite e ci sono diversi punti a disposizione. Dobbiamo iniziare a vincere soprattutto gli scontri diretti, se pensiamo che siamo andati vicini alla vittoria contro il Milan possiamo farlo con chiunque". Ma Perotti non è spaventato dall'eventualità di una retrocessione in Serie B: "Vivo per il calcio e voglio giocare fino a quando ci riuscirò. Non mi aspettavo un'accoglienza del genere, sia del gruppo che dei tifosi. Qui sto bene, la città è bellissima  e con il caldo lo sarà ancora di più, non potrei chiedere di meglio e dico che vorrei continuare in granata anche in caso di retrocessione".