Napoli, De Laurentiis: "Anguissa rimane, con Mertens ci incontreremo a breve"

napoli
©Getty

In occasione della presentazione del ritiro a Dimaro, hanno parlato in conferenza stampa sia il presidente che l'allenatore azzurro. De Laurentiis: "Anguissa rimane, con Mertens ci incontreremo a fine campionato. Mica si scompare". Spalletti: "Dimaro luogo ideale per un ritiro estivo. Vogliamo una squadra forte, ma qualcuno vorrà portarci via qualche giocatore"

Ottenuta l'aritmetica certezza del terzo posto dopo aver sognato lo scudetto, il Napoli pensa già alla prossima stagione e ha presentato in una conferenza stampa il ritiro di Dimaro, al suo dodicesimo anno consecutivo. Presenti sia Luciano Spalletti che Aurelio De Laurentiis, che hanno così parlato in vista del prossimo campionato. Dopo la presentazione della conferenza e altri interventi, a parlare per primo è il presidente del Napoli: "Il ritiro in Trentino è ovviamente un momento importante, saremo in pieno mercato e ci saranno delle novità anche in quell'ottica per chi segue l'evoluzione di una squadra. Ci saranno delle amichevoli, dove avremo finalmente la possibilità di ospitare nelle tribune più di mille persone. Prima del Covid erano arrivati 70mila napoletani da ogni luogo, noi ci auguriamo che senza limitazioni e distanziamenti si possano riprendere anche le attività di intrattenimento in piazza per intrattenere chi verrà in Trentino".

De Laurentiis: "Anguissa rimane. Olivera? Ne stiamo seguendo tanti..."

leggi anche

Lozano si opera alla spalla, stagione finita

Si attende sempre la locandina del ritiro per capire i giocatori presenti, chi ci sarà?

"Perchè voi volete sapere chi c'è e chi no per capire se rimangono qui o meno. Potrei fare una carrellata dei calciatori che sono stati nel Napoli in questi diciotto anni e fregarvi. Anguissa sicuramente rimane. Credo possa bastare"

 

Ci sarà anche Mathias Olivera tra le facce in ritiro visto che lo seguite da molto?

"Ne stiamo seguendo tanti, magari faremo anche tante foto"


Mertens rinnova? Lo vedremo tra i volti in Trentino?

"Ci siamo visti, ma dovremmo incontrarci di nuovo. A me sembra inopportuno, da parte di chiunque, mettere pressioni, speranze e delusioni quando si sta ancora giocando perché è concettualmente sbagliato. Se uno è veramente interessato, a fine campionato si parla senza problemi. Il 22 si gioca a La Spezia con 80° all'ombra, poi vediamo nei giorni successivi quando incontrarsi. Con Spalletti ci dobbiamo incontrare molto più spesso per gettare le basi del mercato. Non è che dobbiamo scomparire quando finisce il campionato, siamo una realtà permanente e rispettosa dei ruoli. Il dialogo è alla base di qualunque successo".

Spalletti: "Vogliamo una squadra forte, qualcuno vorrà portarci via dei giocatori"

leggi anche

Spalletti 'napoletano': visita al murale di Diego

In seguito ha parlato anche Luciano Spalletti, che prima delle domande ha parlato del prossimo ritiro a Dimaro.

 

"Fare la preparazione sulle Dolomiti ci permette di lavorare davanti a un panorama mozzafiato. È come fare attività fisica con gli auricolari. Ci torniamo volentieri perché ci siamo trovati molto bene. A Dimaro ci sono le condizioni climatiche ottimale per allenarsi al meglio e riposare al meglio successivamente. Se tra tutte quelle montagne riuscite a farci trovare un vulcano, sarebbe perfetto (ride, ndr)". 

 

Qual è l'obiettivo su cui lavorerete in ritiro?

"Vogliamo organizzare una squadra forte. Ci sarà il mercato e qualcuno vorrà portarci via qualche calciatore, quindi bisogna allestire una squadra che può ambire a posizioni di classifica importanti. Vedremo cosa ci mette davanti il mercato, ma io rimarrò sempre innamorato di questa squadra".