Cioffi saluta l'Udinese con una lettera: "Scenario perfetto, tifoseria fiera di noi"

udinese
©LaPresse

L'ex allenatore dell'Udinese sceglie una pagina di giornale per salutare: "Sei mesi tutti di un fiato, la grande occasione. Grato a società, dirigenti e alla tifoseria, nuovamente orgogliosa e fiera dei veri protagonisti: i ragazzi. Udine città di qualità umana e sociale in una terra che ho imparato a scoprire e amare come il Friuli"

UDINESE, ANCHE INZAGHI IN CORSA PER LA PANCHINA: LE NEWS

"É stato bello, anzi bellissimo". Gabriele Cioffi come Luca Gotti. L'ormai ex allenatore dell'Udinese ha scelto un messaggio su una pagina di giornale per salutare l'ambiente e i tifosi dopo il divorzio dal club friulano. Stessa scelta fatta dal suo predecessore, che aveva sostituito a metà dicembre del 2021. "Sei mesi tutti di un fiato, la grande occasione. Lo scenario perfetto - li definisce sulle colonne del Messaggero Veneto - ho trovato un club organizzatissimo e con obiettivi chiari, Udine città di qualità umana e sociale in una terra che ho imparato a scoprire e amare come il Friuli". Parole di chi ha guidato un’Udinese da 47 punti, il miglior bottino da 10 anni a questa parte.

Il futuro di Cioffi

approfondimento

Gol dalla panchina: Udinese come Inter e Atalanta

L'allenatore, alla prima esperienza su una panchina di Serie A, riavvolge il nastro del suo lavoro a Udine: "Sembra buffo, scontato, banale ma sicuramente è spontaneo. Il mio grazie va a tutti, ma proprio tutti - aggiunge - dai vertici, il cuore. La famiglia Pozzo, lo staff dirigenziale, tecnico, medico, i mitici magazzinieri, una tifoseria che ho percepito nuovamente orgogliosa, felice e fiera dei veri protagonisti: i ragazzi". Il club bianconero ha comunicato qualche giorno fa l'addio con Cioffi al termine del contratto, che scade il prossimo 30 giugno. L'Udinese adesso è al lavoro per individuare il suo sostituto: tra i nomi in corsa ci sono quelli di Paolo Zanetti e Filippo Inzaghi. Cioffi potrebbe invece prendere il posto di Tudor a Verona nel caso in cui il croato dovesse risolvere in anticipo il contratto con l'Hellas, in scadenza a giugno del 2023.