Avellino, Novellino: "Soddisfatto, bene i nuovi"

Serie B
novellino_walter_avellino_lapresse

Dopo la vittoria della scorsa settimana i biancoverdi riescono a strappare un punto nella gara contro l'Entella grazie al pareggio nel finale di Moretti. L'allenatore: "La mentalità della squadra è cambiata, anche sotto l'aspetto del gioco; abbiamo sofferto sull'1-2, ma siamo stati bravi a reagire"

L’Avellino non riesce a prolungare a dare continuità alla vittoria della scorsa settimana contro il Brescia, la squadra allenata da Walter Novellino viene fermata sul 2-2 dalla Virtus Entella. E’ Federico Moretti che all’86’ riesce a pareggiare ed evitare così la sconfitta dei suoi; il vantaggio iniziale era stato segnato da Lasik sfruttando un errore clamoroso del portiere avversario, Catellani prima e Troiano poi avevano poi riportato avanti la formazione ligure. Si chiude così sul 2-2 la gara del Partenio-Lombardi, i biancoverdi salgono dunque a quota 25 punti in classifica.

Sulla partita e l'atteggiamento -
"Nella prima mezz'ora c'era solo l'Avellino in campo - ha detto Walter Novellino nel post gara - abbiamo commesso un errore in palleggio ed è nata l'azione del pari. Voglio sottolineare come Omeonga e Paghera abbiano giocato una grande partite, perché non era facile limitare le giocate di calciatori tecnici come quelli avversari. Poi Moretti quando è entrato ha dato più velocità e concretezza alla manovra, ma il cambio che ha determinato il cambiamento è stato quello di Eusepi: ha allungato la squadra grazie alle sue sponde e alla sua lotta in area di rigore. Con un giocatore così Verde può tornare a fare l'esterno come piace a me. La mentalità della squadra è cambiata, anche sotto l'aspetto del gioco; abbiamo sofferto sull'1-2, ma siamo stati bravi a reagire".

Sul mercato e sul modo di allenare -
"Per il ruolo di terzino sinistro abbiamo un problema, lì gioca Laverone che è un destro e ci rallenta un attimo. Comunque Lorenzo ha fatto bene, come ho già detto un eventuale nuovo arrivo non deve essere un ragazzino, perché non ne abbiamo bisogno. Gonzalez per me è un terzino destro e sta giocando alla grande, ce l’hanno chiesto anche squadre di Serie A, Lasik è stato messo in quella posizione a partita in corso, visto come si era messa. Non credo molto nell'adattamento, quanto più allo stare in campo in base alle caratteristiche tecniche. Penso che abbiamo a disposizione un ottimo organico, trovandoci in questa situazione è difficile scalare la classifica, ma stiamo strutturando la squadra al meglio. I nuovi sono entrati subito in partita e per quanto riguarda me ognuno ha un proprio modo di allenare; per me è fondamentale giocare, andare sul fondo, crossare e avere calciatori che fanno gol di testa. No si deve mai buttare via la palla".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche