Spal al comando, Bari ko. Volano Perugia e Novara

Serie B
antenucci_2_lapresse

In attesa del Frosinone nel posticipo, gli emiliani impattano 1-1 contro il Pisa e balzano al comando della Serie B. Nella 29.a giornata stop dei pugliesi, Di Carmine abbatte l'Avellino. Vincono gli azzurri di Boscaglia e il Carpi. In coda colpo della Pro Vercelli, incubo Ternana

Tutto Semplici a Ferrara, ma alzi la mano chi avrebbe ipotizzato la leadership della neopromossa più esaltante. Dopo 29 turni di campionato la Serie B incorona la Spal al vertice della classifica, primato che giustifica tutte le ambizioni della rivelazione emiliana. In realtà resta l’amaro in bocca al Mazza gelato sull’1-1 dal pragmatico Pisa: la prodezza di Antenucci scardina la difesa bunker dei toscani ma non vale i tre punti, complice il pareggio di Mannini su rigore che alimenta l’imbattibilità nerazzurra da gennaio. Se Gattuso resta sospeso tra future penalizzazioni e il baratro playout, Leonardo Semplici festeggia comunque le 100 panchine in biancazzurro. E pensare che nel 2011 venne esonerato a Pisa dopo 9 gare, evidentemente uno smacco già vendicato tra la scorsa stagione in Lega Pro e gli incroci in B. Pure i numeri danno ragione alla sua Spal in serie utile da 10 turni, cooperativa del gol (14 marcatori diversi) e un attacco da 46 reti che eguaglia il Verona di Pazzini. In attesa della replica del Frosinone la vetta è di casa a Ferrara, realtà che sogna la massima serie a distanza di 49 anni.

Di Carmine show - Traffico intenso in zona playoff a partire da Chiavari, impianto fatale al Bari dalla parabola ascendente: dopo 3 vittorie di fila grazie alle new entry sul mercato, Colantuono capitola contro l’Entella esaltata da Ammari e Diaw che frenano le ambizioni dei pugliesi, stabili a quota 43 punti. Un bottino comune al Perugia letteralmente trascinato da Samuel Di Carmine al Partenio: la tripletta dell’attaccante umbro, ora a 10 reti in stagione, abbatte l’Avellino al tappeto dopo un’imbattibilità lunga 9 partite. Seppure privo di quattro titolari per squalifica, Bucchi trionfa 5-0 e rilancia la propria candidatura playoff come il Novara appaiato in classifica. Lancini e Galabinov, solo intervallati da Cacia, firmano il 2-1 che regala il 4° successo consecutivo alla squadra di Boscaglia. Per l’Ascoli si tratta invece del 3° stop in altrettante gare, digiuno che allontana l’incredibile striscia record di 11 incontri senza macchie. Resta affacciato agli spareggi promozione invece il Carpi di Castori, vittorioso 1-0 al Cabassi contro lo Spezia. Di Gaudio decide in avvio e raddrizza le sorti degli emiliani, mentre Di Carlo paga nuovamente il bilancio esterno (solo 12 punti in campionato).

Incubo Ternana - Non solo incroci playoff nella 29.a giornata, d’altronde il programma riservava tre sfide nella parte bassa della classifica. Al Provinciale il Trapani rimedia un pareggio contro il Latina, ma l’1-1 dettato da Manconi e Buonaiuto muove parzialmente il destino dei siciliani ancorati al penultimo posto. Pari e rimpianti anche al Manuzzi tra Cesena e Vicenza che si ritagliano un punto dopo l’1-1 finale: Ciano (10 gol in stagione) illude i romagnoli trascinati dal trend casalingo, ma Orlando li agguanta per la gioia del grande ex Bisoli. Si fa piuttosto drammatica la situazione della Ternana, ultima della classe e battuta a domicilio dalla Pro Vercelli nello scontro diretto: Aramu e Bianchi rimontano il vantaggio di Falletti, poi l’espulsione di Contini complica i piani degli umbri al 10° ko nelle ultime 11 uscite. Se Longo respira a pieni polmoni, l’incubo di Gautieri non ha fine.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche