Pro Vercelli, Longo: "C'è unità, serve attenzione"

Serie B
longo_pro_vercelli

L'allenatore dei piemontesi verso la sfida con l'Entella: "Alla squadra ho chiesto concentrazione, servono ancora una decina di punti per la salvezza". Sul momento dei suoi: "Abbiamo numeri positivi, merito di tutti"

Terza partita in una settimana, ennesima battaglia in vista per la Pro Vercelli di Moreno Longo. La vittoria con il Bari e il pareggio con il Carpi hanno rilanciato le ambizioni della squadra piemontese, ora a +4 dalla zona retrocessione. Con l’Entella, al Piola, la possibilità di fare un ulteriore passo avanti: “È una squadra che ha già raggiunto la salvezza. Hanno motivazioni diverse dalle nostre, puntano i playoff”, ha detto Longo in conferenza stampa. “Non ci stupisce questo, vista la loro rosa. Davanti hanno un potenziale notevole. Alla squadra ho chiesto massima concentrazione, la salvezza non è ancora stata raggiunta e ci sarà da soffrire. Bisogna arrivare a 48-50 punti: 39 sono un buon bottino, ma bisogna tenere alta l’attenzione. Ci aspettano ancora otto battaglie: dei record non ci interessa nulla, dobbiamo solo lottare in campo partita dopo partita. Solo uniti, tra squadra, società e tifosi, possiamo raggiungere l’obiettivo”.

Solidità e salvezza

Il passo in avanti dal punto di vista difensivo è stato chiaro e ora la Pro Vercelli ha quasi risolto i problemi di inizio stagione: “Siamo contenti, abbiamo numeri positivi”, ha continuato Longo. “Dobbiamo proseguire su questa strada, mantenendo un profilo basso e umile. A Provedel sono stati fatti grandi complimenti a Carpi, ma ricordiamoci che ultimamente le squadre fanno fatica a tirarci in porta. Merito di tutta la squadra”. Sugli indisponibili: “Germano aveva solo crampi ed è pienamente recuperato. Nardini ha avuto un risentimento all’adduttore, lo valuteremo fino all’ultimo: vediamo se ne vale la pena rischiare”. Palazzi out: “Al suo posto giocherà uno tra Germano, Castiglia e Altobelli”. Sugli ostacoli verso la salvezza: “Sono molto realista: il primo ostacolo è sicuramente l’Entella. Hanno giocatori esperti e di qualità, bisogna prenderli con le molle. E poi conosco bene le trappole di questo campionato: siamo molto giovani, molti di noi sono al primo campionato di Serie B e andiamo sempre in campo con sette o otto giocatori nati tra il ’94 ed il ’96. Fare punti è difficile in questa categoria, a fare la differenza è sempre l’atteggiamento con cui si va in campo”, ha concluso Longo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche