Camporese: "Foggia piazza storica. Possiamo fare bene"

Serie B

Il nuovo difensore dei rossoneri: "Ce la metterò tutta per portare la squadra alla salvezza. Qui ho trovato un gruppo eccezionale, Iemmello me ne ha parlato bene in estate". Sugli obiettivi: "Ci sono i presupposti per fare un ottimo campionato"

Da Benevento a Foggia: la nuova avventura di Michele Camporese è ufficialmente cominciata. Il difensore ex Fiorentina è stato presentato ufficialmente dai rossoneri in giornata: “Ringrazio il direttore e tutto il Foggia Calcio, per me si apre un nuovo capitolo, sono stato molto contento di venire a Foggia, una piazza importante, calorosa, me ne hanno parlato tutti bene”, ha detto il classe 1992. “Ce la metterò tutta, cercherò di aiutare la squadra a raggiungere la salvezza il prima possibile disputando un campionato positivo. Il gruppo? Sono persone eccezionali, mi sto trovando molto bene, mi ambiento subito di solito”. Su Stroppa: “Sto avendo un rapporto positivo, mi sto allenando, mi applico e metto in pratica ciò che mi chiede. Foggia? Ho seguito da due anni a questa parte la squadra, me ne hanno parlato bene, conosco bene Pietro Iemmello. Foggia è una realtà importante con una storia alle spalle, con una tifoseria tra le migliori in B”.

"Ci sono i presupposti per fare bene"

Parlando del campo: “L’anno scorso ho giocato nel centrodestra, ma se ci fosse bisogno di giocare a sinistra non ci sarebbe nessun problema. Il Foggia è stata la società che mi ha accontentato di più sotto tutti i punti di vista, ho trovato da parte loro qualcosa in più. Sono un calciatore che a livello tecnico è abbastanza valido per la categoria, bravo di testa, veloce più nell’allungo. Iemmello? Conoscevo anche Pompilio, ho parlato con Guarna. Con Iemmello abbiamo lo stesso procuratore e mi ha spinto anche lui, mi ha detto che non me ne sarei pentito. La squadra mi ha impressionato da un punto di vista tecnico e di intensità di lavoro. Ci sono tutti i presupposti per fare un bel campionato”. Sul campionato di B: “Tutto può accadere, ogni partita ha una sua storia. Fisicamente mi reputo abbastanza pronto. Sono sceso in B perchè ho avuto una serie di infortuni e avevo bisogno di continuità. Il mio obiettivo è cercare di aiutare il Foggia con il mio contributo, poi si vedrà”.

I più letti