Inzaghi: "Milan, serve pazienza. Simone deve fare un altro capolavoro"

Serie B
11_tacopina_inzaghi

L'allenatore del Venezia torna sul KO dei rossoneri a Roma: "Leggo già di allenatori esonerati: non è giusto. Serve pazienza, in Italia se ne ha poca. Simone? La Lazio ha tanti impegni e una rosa non ampia: deve fare un altro capolavoro"

Tre giornate e ancora nessun KO: il Venezia di questa Serie B è già una sorpresa. 5 punti fatti, ancora zero gol subiti e una vittoria a Bari (la prima dopo 13 anni, ndr) nell’ultimo weekend che ha definitivamente confermato la competitività della rosa di Pippo Inzaghi. L’ex attaccante del Milan è felice, proprio mentre suo fratello fa grandi cose alla guida della Lazio: “Per fortuna di momenti felici ne abbiamo, l’anno scorso abbiamo fatto cose importanti. Ma facendo questo mestiere sappiamo che ci saranno anche i momenti neri”, ha raccontato alla Gazzetta dello Sport. “Simone è felice, sereno. Gli è successo qualcosa di speciale, ma so come conosce il calcio e quanto impegno ci mette. Alla Lazio doveva arrivare il messia Bielsa, rischiava, ma è stato bravo. Adesso ha tanti impegni e una rosa non ampia: deve fare un altro capolavoro. Lo sento 2-3 volte al giorno, spesso parliamo di calcio ma anche dei miei nipoti, dai…”.

"Milan, ottimo mercato ma serve pazienza"

Parlando del suo Venezia, Inzaghi ammette: “Sono qui grazie al ds Perinetti, in estate mi sarebbe dispiaciuto lasciare i miei ragazzi. Lo dicevano anche loro nelle dichiarazioni, quindi ora quelle parole le gioco a mio favore. Il presidente ha detto che un giorno vorrà la A e l’Europa. Giusto, ma l’ambizione deve correre al pari con la realtà. Questo di B è un campionato tosto, ma sono contento di quello che ha fatto la società. In cosa faccio sbuffare la squadra? Forse con i video, ma 10 minuti al giorno per studiare avversari e nostri allenamenti ci vogliono. Quando giocavo io non li guardavamo, ma una squadra con Shevchenko Kakà e gli altri non ne aveva bisogno!”. A proposito di Milan: “Ammetto che domenica ero combattuto tra il mio Milan e Simone... Comunque il Milan ha fatto un ottimo mercato e quando si cambia tanto serve pazienza e in Italia ne abbiamo poca. Già leggo di allenatori a rischio: così presto? Non è giusto. Guardate il Napoli: hanno avuto pazienza e ora sono fortissimi. O la Lazio”. Su Montella: ”Gli allenatori vedono tutti i giorni i loro giocatori, lui è bravo e saprà trovare la soluzione migliore. Un allenatore bravo trova il vestito giusto per la sua squadra. Io giocherei sempre con il 4-3-3, ma per le mie idee non mando allo sbaraglio la squadra, sarei un folle”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.