Pro Vercelli, Raicevic suona la carica: "A Perugia per giocarcela"

Serie B

L'attaccante montenegrino dopo il 5-2 di Cesena: "Per un attaccante trovare il gol è fondamentale. Il Perugia? La settimana è stata serena, andiamo a giocarcela con tutti"

Cinque punti in classifica e una vittoria, quella dell’ultimo weekend contro il fanalino di coda Cesena, che ora può dare un grande slancio. La Pro Vercelli si prepara a una nuova giornata di B: per i piemontesi ci sarà una trasferta difficilissima al Curi di Perugia, utile a confermare le buone sensazioni e, magari, a migliorare la posizione nel tabellone: “La settimana è stata più serena, speriamo di fare una grande partita contro il Perugia”, ha detto Filip Raicevic, centravanti di Grassadonia, in conferenza stampa: “Scendiamo in campo con più tranquillità: la vittoria è arrivata nel momento e nel modo giusto. Le prestazioni erano buone, meritavamo qualche punto in più. Sabato abbiamo dimostrato di essere una squadra con gli attributi. Il Perugia gioca molto bene e sono secondi in classifica, andiamo a giocarcela come contro tutti”.

"L'importante è dare tutto"

Il classe 1993 è stato protagonista con un gol nel 5-2 col Cesena: “Sbloccarsi è fondamentale per un attaccante, per noi attaccanti il gol è come il pane. Era tanto che non segnavo, è stato davvero importante, anche perché ha contribuito alla vittoria della squadra. Continuiamo così senza mollare un centimetro, dobbiamo lottare fino all’ultima giornata per centrare il nostro obiettivo”. Sulla vittoria col Cesena: “Abbiamo analizzato sia le cose buone sia quelle meno buone, come abbiamo sempre fatto. Aiutare in fase difensiva? Io cerco sempre di aiutare la squadra difensivamente, l’ho sempre fatto: mister Grassadonia me lo chiede un po’ di più, mi adatto senza problemi. Mi trovo bene sia da solo sia con un’altra punta: bisogna sempre muoversi tanto e aiutare i compagni. L’importante è dare tutto, sia chi gioca dall’inizio sia chi subentra dalla panchina”. Dopo il Perugia ci sarà il Bari per la Pro Vercelli, un tuffo nel passato per il montenegrino: “Non ci penso, al momento siamo concentrati sulla sfida con il Perugia. Andiamo là per fare la nostra partita: massimo rispetto, ma ce la giocheremo”.

I più letti