Pro Vercelli, derby vinto dopo 17 anni. Grassadonia: "Vittoria fondamentale, mentalità giusta"

Serie B
Gianluca Grassadonia, allenatore della Pro Vercelli (lapresse)

L'allenatore della Pro dopo l'importante successo del derby: "1-0 meritato, potevamo fare anche più gol. Vittoria importante che arriva nel momento giusto: finora ce la siamo giocata con tutti"

La vittoria giusta che arriva nel momento giusto. Il derby del Piemonte - a 17 anni dall’ultima volta - va alla Pro Vercelli, capace di battere fuori casa il Novara. Vittoria fondamentale per la squadra di Gianluca Grassadonia, ora non più ultima in solitaria: “È stata una vittoria contro una squadra importante, che viveva un ottimo momento. Abbiamo lavorato bene tutti, la partita è stata preparata leggermente in maniera diversa dal solito. Venivamo da una sconfitta brutta, condizionata dagli episodi: sono contento per i ragazzi e per aver regalato una grande gioia ai nostri tifosi”, ha raccontato dopo il 90’. Successo che sarebbe anche potuto essere più largo per la Pro: “Abbiamo sprecato occasioni importanti, ma la squadra ha lavorato bene in fase di non possesso palla. Siamo tornati a vincere qui dopo 17 anni, una vittoria fondamentale in una partita delicatissima. Pensavo che il Novara potesse cambiare modulo, ma così non è stato”.

"Ce la siamo giocata alla pari con tutti"

L’allenatore ex Paganese si è poi espresso sui singoli, a partire da Morra, autore del gol decisivo: “Spero cresca in fretta, deve imparare a ragionare e a giocare per la squadra: spero possa diventare protagonista, ci darà una grande mano. Quando fai le cose al massimo, non puoi avere dubbi: ho un gruppo importante, spesso però la differenza la fanno gli episodi. Questo mestiere è fatto così, bisogna saper convivere con le bufere e con le giornate di sole”. Sulla classifica (cortissima, tutti in dieci punti), infine, Grassadonia si esprime così: "La nostra classifica penso sia insolita: tolte le prime tre partite, ce la siamo giocata alla pari con tutti. Ci mancano diversi punti, ma la mentalità è quella giusta. Non è facile giocare ogni settimana come se fosse la partita della vita, ci vuole grande responsabilità”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche