Foggia, Gerbo: "Siamo tutti con Stroppa"

Serie B
foggia_perugia_LaPresse

Il centrocampista: "La gara col Venezia somiglia a quella contro il Melfi dell’anno scorso, che rappresentò una svolta. Bisogna dimostrare con i fatti di poter svoltare, ci dispiace che l’allenatore si prenda responsabilità e colpe nostre"

Nonostante il pareggio acciuffato nei minuti finali di una gara contro il Venezia che sembrava già persa, il Foggia non sta attraversando un momento semplice e la tifoseria - venerdì sera allo Zaccheria - ha dimostrato di non avere più molta pazienza. Tre giorni dopo quanto accaduto, il centrocampista Alberto Gerbo ha parlato in conferenza stampa del momento del gruppo e anche dell’unità del gruppo intorno alla figura dell’allenatore, Giovanni Stroppa: "La gara col Venezia per certi versi è paragonabile a quella contro il Melfi della scorsa stagione - ha iniziato dicendo il giocatore - quello fu il punto di svolta del campionato e anche adesso bisogna dimostrare con i fatti di poter svoltare".

"Il 2-2 ha tanti lati positivi, sotto diversi punti di vista. Prendiamo tutto quello che di positivo c’è stato e voglio portare con me l’abbraccio che ci siamo dati con i miei compagni a fine gara. Dobbiamo ripartire da quello, ma dobbiamo farlo veramente stavolta. E’ un momento difficile, come può succedere a tutti e come già è successo nella scorsa stagione. In quel caso l’obiettivo era la promozione e alla fine della stagione venne raggiunto. Quest’anno invece è la salvezza e speriamo di riuscire a centrarlo anche stavolta. Noi siamo con Stroppa e lo saremo sempre, crediamo fortemente in ciò che ci ha insegnato e che continua ad insegnarci e siamo molto dispiaciuti per tutte le volte che si prende responsabilità e colpe anche quando magari sarebbero da attribuire a noi giocatori".

E ancora: "Per quanto riguarda la mancanza di cattiveria, è un aspetto che abbiamo analizzato spesso. A volte il fallo tattico è importante e secondo me un po’ di malizia in più può servire. Abbiamo cambiato modulo e ci sono in entrambi i pro e i contro, almeno per quanto mi riguarda: quando giochiamo con il 3-5-2 l’aspetto positivo è che c’è una copertura migliore in difesa e io mi trovo meno spesso a subire gli uno contro uno, però di contro c’è da dire che bisogna avere più gamba e correre molto di più per ricoprire quel ruolo. Quando invece si gioca con il 4-3-3 soffro di più la fase difensiva ma riesco a fare meglio la fase offensiva perché sono aiutato dall’altro esterno sulla mia fascia". La prossima gara sarà contro la Salernitana: "Spero che riusciremo a prendere gli spunti positivi visti col Venezia per avere la forza di affrontare una buona squadra, con buone individualità. Inoltre, in casa, hanno anche la spinta del loro pubblico e dovremo farci trovare pronti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.