Pro Vercelli, 1-0 in amichevole al Cuneo. Atzori: "Nuovo modulo, avanti così"

Serie B
atzori_getty

L'allenatore dei piemontesi dopo la vittoria in amichevole col Cuneo: "Ho cercato di cambiare, il nuovo modulo può permetterci di sterzare a livello mentale". Sul mercato: "Mi aspetto due attaccanti e un centrocampista. Firenze? Ha chiesto lui di andare via"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Un 2018 che comincia con una vittoria per la Pro Vercelli, seppur solo in amichevole. 1-0 al Cuneo nel derby piemontese, successo utile a partire al meglio in un gennaio che sarà decisivo per le sorti della squadra allenata da Gianluca Atzori, attualmente all’ultimo posto in Serie B. “Ho parlato con i ragazzi e ho cercato di dare un cambiamento, perchè ho pensato che, visto che i moduli della passata gestione non sono andati bene, serviva una sterzata anche a livello mentale”, ha detto nel post match l’allenatore subentrato a Grassadonia nel mese di dicembre. “Questa è una rosa che può interpretare questo modulo, siccome ho visto che abbiamo fatto tantissimi cross ma non siamo riusciti a fare nulla, ho deciso di dare più densità in area. Ho visto i numeri, la squadra ha fatto davvero una buona partita. Dobbiamo continuare a migliorare, a lavorare negli allenamenti e fare sì che questi ragazzi si sblocchino mentalmente. Ho visto cose buone, abbiamo ancora una settimana davanti per preparare al meglio il campionato”. Sul mercato: “Per completare la rosa manca ancora qualcuno, diverse trattative stanno andando avanti e andranno in porto a breve. Mi aspetto che in attacco arrivi il tipo di giocatore che stiamo cercando: serve un attaccante che abbia gamba e forza fisica per attaccare la forza. Mi aspetto due attaccanti e un centrocampista. Il direttore e la società ce la stanno mettendo tutta, sono in sintonia con quello che stanno andando a fare”.

"Pigliacelli ottimo, Firenze ha chiesto di andare via"

Prima per Pigliacelli, arrivato dal Pescara solo una settimana fa: “È un ottimo portiere, Da Silva è un buon giocatore, Gozzi ha sempre giocato in Serie B e vuole rilanciarsi, fa al caso nostro, come Bertosa che vuole mettersi alla prova. La priorità la diamo a questi ragazzi che hanno motivazioni per provare a dare una scossa. Oggi questa squadra ha bisogno innanzitutto di acquisire un modulo, poi se arriveranno i risultati proveremo anche qualcosa di più. I giocatori che andiamo a cercare sono proprio giocatori che sposano questo modulo. Denis? È un attaccante da sogno, la butta dentro e a noi serve quello. Se mai riuscissimo ad arrivare a lui sarebbe un gran bel colpo, ma credo che sia molto molto difficile. Anche in questo caso le motivazioni fanno la differenza, servono quelle: la squadra ha bisogno di una scossa”. Sull’addio di Firenze: “È stata una sua scelta, è un ottimo giocatore per la categoria, ha chiesto di andare a Venezia. Se un giocatore vuole andare via, non posso trattenerlo, in particolare se non ha le motivazioni per rimanere qui. Legati era molto legato all’ambiente, era una colonna nello spogliatoio, poi è stata una sua scelta accettare l’offerta, per un contratto più lungo in una società forte come la Feralpisalò. A livello di leadership abbiamo perso un bel pezzo”, ha concluso Atzori.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche