Perugia, Volta: "La difesa a tre è stata la svolta, adesso prendiamo pochi gol"

Serie B
Il difensore del Perugia Volta, foto Getty

Il difensore del Perugia ha parlato del momento della squadra, indicando come segreto della rinascita il passaggio alla difesa a tre: "Siamo più a nostro agio e riusciamo ad essere più ficcanti in contropiede"

Prosegue il momento positivo del Perugia che, nel recupero della ventottesima giornata, centra contro il Brescia la terza vittoria consecutiva. Un risultato mai in discussione, una prestazione sopra le righe che permette agli uomini di Breda di agganciare l’ottavo posto in classifica che vale l’accesso ai playoff. Felice per i tre punti conquistati, Massimo Volta esprime il proprio punto di vista sul positivo momento del Perugia, chiedendo però ai propri compagni di non abbassare la concentrazione: "Il fatto che non prendiamo gol è qualcosa che mi rende molto contento, il passaggio alla difesa a tre ci ha permesso di essere molto più a nostro agio. Inoltre, siamo molto più pericolosi in contropiede e questo ci aiuta a sorprendere le difese avversarie. L’importante adesso però è non abbassare la guardia. Per chi ha sempre giocato a quattro, era più difficile adattarsi a questo nuovo sistema, ma allenandoti duramente poi certi movimenti vengono automatici. Gli spazi sono più o meno gli stessi, anche se un uomo più staccato ti permette di rischiare l’anticipo".

Parla Breda

Soddisfatto del risultato ottenuto anche Roberto Breda, che chiede adesso ai suoi giocatori di non perdere la bussola: "Abbiamo trovato la strada giusta, ma non possiamo adesso abbassare la concentrazione. Bisogna continuare a lavorare da squadra perché i momenti bui non mancheranno. Il nostro approccio alle partite non deve cambiare, dobbiamo lavorare e migliorare come se non avessimo fatto nulla. Devo fare i complimenti ai miei ragazzi per come stanno lavorando, grazie all’arrivo dei nuovi si sono innescati alcuni meccanismi che ci hanno permesso di cambiare marcia. Apprezzo anche l’atteggiamento dei calciatori che trovano meno spazio, perché mantengono alta la qualità e quando vengono chiamati in causa rispondono sempre presente. Sono delle certezze che rappresentano la base da cui partire. Diamanti? Ci può dare una grossa mano, mi è piaciuto il suo atteggiamento con i compagni. Siamo aperti ad ogni obiettivo, ma dobbiamo continuare a lavorare bene. Ogni partita ha una storia a sé, sono contento perché i ragazzi hanno trovato una strada e ci credono nel percorrerla".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche