Palermo, Tedino: "Esonero? Non ci penso"

Serie B
Bruno Tedino, Palermo (Getty)
tedino_palermo_getty

"C’è una società organizzata e sono cose che riguardano loro. Io penso solo a migliorare il migliorabile, noi sapevamo di avere molte assenze questa sera. Sono tanti i giocatori che ci mancano ma questa non deve essere una scusa" ha detto l’allenatore

PALERMO, TEDINO RISCHIA: STELLONE IN POLE

Una brutta sconfitta per il Palermo che perde 3-0 contro il Venezia fuori casa. Un risultato che dovrebbe mettere fine all’esperienza di Bruno Tedino sulla panchina rosanero; la squadra cercherà così di centrare l’obiettivo salvezza in Serie A con un’altra guida Le reti segnate da Suciu, Stulac e Andelkovic hanno così condannato la formazione siciliana a restare ferma a quota 63 punti, momentaneamente al terzo posto della classifica di Serie B. In attesa di comunicazioni ufficiali, lo stesso Tedino si è presentato ai microfoni di Sky Sport dopo il novantesimo per commentare il risultato e la prestazione. Queste le sue dichiarazioni: “Bisogna rivedere la partita e analizzarla con le giuste maniere, per vedere con calma e raziocinio quello che non ha funzionato. Abbiamo preso due gol subito e questo ci ha danneggiato, il gioco del Venezia è proprio questo: ottima organizzazione difensiva e ripartenza. Non siamo riusciti a scardinare questa linea difensiva. Nel secondo tempo la squadra aveva un sistema di gioco diverso, ha provato a essere pericolosa ma non è bastato. Il Presidente Zamparini ha grandi meriti e le sue scelte sono state delle buone scelte, ma è ovvio che una squadra che perde 3-0 ha dei contraccolpi psicologici. Ma io sono abituato a lavorare”.

“E’ chiaro che in una situazione come questa il tecnico deve essere chiamato a rispondere, così come tutto il resto della squadra. Per quanto riguarda le voci di esonero posso dire che non ci penso a queste cose qua, c’è una società organizzata e sono cose che riguardano loro. Io penso solo a migliorare il migliorabile, noi sapevamo di avere molte assenze questa sera. Sono tanti i giocatori che ci mancano ma questa non deve essere una scusa, un allenatore deve sempre trovare la soluzione e questa sera non l’abbiamo trovata. Devo fare i complimenti al Venezia, perché ha fatto una partita eccezionale. Noi abbiamo preparato bene la partita, ma il Venezia ha questa sorta di 8-2 in cui occupa il campo e ribalta l’azione in modo superbo. Il tiro da fuori di Sergiu Suciu ha cambiato la partita. Nestorovski, Bellusci e Coronado non si possono regalare, purtroppo abbiamo subito un Venezia straripante. Non credo che abbiamo perso per il modo in cui abbiamo giocato a centrocampo, ma nel secondo tempo abbiamo fatto nove cross dal fondo e non siamo mai riusciti a concretizzare”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport