Padova Pescara 2-2: Pillon perde la testa, rimonta di Bisoli al 95'

Incredibile finale nel posticipo della 6^ giornata di Serie B, match rinviato nella serata di lunedì a causa del maltempo. Avanti 2-0 con le reti di Brugman e Mancuso, gli abruzzesi accarezzano la vetta della classifica ma incassano l'uno-due dei veneti in pieno recupero con Cisco e Cappelletti

PADOVA-PESCARA MINUTO PER MINUTO

PADOVA-PESCARA 2-2

26' Brugman (PE), 50' rig. Mancuso (PE), 90' Cisco (PA), 95' Cappelletti (PA)

Padova (3-4-1-2): Merelli; Cappelletti, Capelli, Trevisan; Contessa, Mazzocco, Mandorlini (59' Minesso), Broh; Pulzetti (46' Cisco); Clemenza (74' Capello), Bonazzoli. All. Bisoli

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Balzano, Gravillon, Campagnaro, Del Grosso; Machin (79' Crecco), Brugman, Memushaj; Marras, Mancuso, Antonucci (65' Capone). All. Pillon

Ammoniti: Mazzocco (PA), Trevisan (PA), Brugman (PE), Capelli (PA)

1 nuovo post
Incrocio da ex per Pillon, centrocampista biancorosso dal 1977 al 1981 nonché allenatore del Padova in due parentesi distinte: la stagione 1997/98 registrò il suo esonero a gennaio in Serie B, diciotto anni più tardi guidò invece i veneti in Lega Pro (2015/16). Arrivato a dicembre, si piazzò al 5° posto a -3 dai playoff
- di luca.cassia
Come rispondono i padroni di casa del Padova? Sono 5 i punti in classifica per Bisoli che non vince dal 1 settembre contro il Venezia, da allora due stop (Salernitana e Foggia) intervallati dall'1-1 casalingo con la Cremonese. Nessuna sconfitta all'Euganeo per i veneti in campo con il 3-4-1-2 a partire da Merelli, portiere protetto dalla difesa costituita da CappellettiCapelli e Trevisan. In mediana fasce riservate a Contessa e BrohMazzocco (a segno all'esordio a Foggia) e Mandorlini al centro. Posizione da trequartista per Pulzetti alle spalle della dei talentuosi Clemenza e Bonazzoli. Assente il centrale difensivo Ravanelli già a segno 2 volte in campionato
- di luca.cassia
Imbattuto in stagione e a quota 11 punti in classifica, due lunghezze in meno della capolista Verona, il Pescara di Pillon cerca il sorpasso al comando e insiste con l'abituale 4-3-3 di partenza: Fiorillo tra i pali, difesa con Balzano e Del Grosso sugli esterni mentre la coppia Campagnaro-Gravillon è schierata al centro. A centrocampo capitan Brugman in regia affiancato da Machin e Memushaj. In attacco Marras e Antonucci spalleggiano Mancuso, miglior marcatore abruzzese con 3 centri
- di luca.cassia

Annunciato il rinvio nella serata di lunedì a causa del maltempo abbattutosi sull'Euganeo, il posticipo della 6^ giornata di Serie B tra Padova e Pescara andrà in scena alle ore 17.30. Così aveva deciso l'arbitro Volpi insieme ai capitani Pulzetti e Brugman

- di luca.cassia

Padova-Pescara rinviata per maltempo

Leggi su Sky Sport l'articolo Padova-Pescara rinviata per maltempo
 
- di Redazione SkySport24

PADOVA-PESCARA: STATISTICHE E CURIOSITÀ

Pierpaolo Bisoli  festeggia le 200 panchine in serie B, senza considerare i playoff: il tecnico conta finora 71 vittorie, 69 pareggi e 59 sconfitte ed è stato due volte promosso in serie A, con il Cesena nel 2010 e nel 2014. Bisoli ha debuttato come allenatore in categoria il 24 agosto 2009, Cesena-Reggina 0-1. Il Padova è una delle due squadre della stagione di Serie B 2018/19 che non ha ancora segnato alcuna rete nelle riprese al pari del Cosenza. Il Padova ha perso una sola volta nelle ultime 23 gare ufficiali, all’Euganeo (0-2 dal Teramo in serie C il 3 marzo 2018); negli altri 22 match, i biancoscudati hanno collezionato 15 successi e 7 pareggi. Il Pescara è una delle 4 squadreche è rimasto ancora imbattuto dopo 5 giornate: come i biancazzurri, Cremonese, Benevento ed Hellas Verona. Il Pescara è la formazione cadetta 2018/19 che ha calciato il maggior numero di rigori in 5 giornate (3).

 

 

- di Redazione SkySport24

La Serie B celebra una nuova capolista, anzi no. Incredibile epilogo nel posticipo della 6^ giornata, match rinviato nella serata di lunedì a causa del maltempo che aveva reso impraticabile il terreno di gioco. Il Pescara posticipa l’incontro e pure l’appuntamento coi tre punti a causa di un finale di gara da incubo: avanti 2-0 con le reti di Brugman e Mancuso, gli uomini di Pillon sciupano la vittoria che valeva la vetta della classifica concedendo la clamorosa rimonta dei veneti apparentemente fuori dal match. Il debuttante Cisco accorcia al 90’, poi all’ultimo respiro è Cappelletti ad accendere l’Euganeo. Gli abruzzesi si confermano imbattuti ma non salgono al comando, sconfitta sconosciuta pure in casa per il Padova che raddrizza il trend con un punto nei precedenti 270 minuti. La neopromossa di Bisoli ritrova ai titoli di coda lo smalto d’inizio stagione e guasta i piani del Pescara a quota 12 in classifica, uno in meno del Verona al comando.

Brugman cecchino, supremazia Pescara

Nessuna novità nel 4-3-3 del Pescara di Pillon, formazione che ribadisce il tridente con Marras e Antonucci ai fianchi di bomber Mancuso. Qualche ritocco invece nel 3-4-1-2 di Bisoli, allenatore senza gioie dal 1 settembre eppure imbattuto all’Euganeo. Primo tempo che registra la supremazia degli abruzzesi per possesso palla, controllo del match e chance procurate: piuttosto velleitaria quella al 6’ di Mancuso dal limite dell’area, decisamente più pericolosa la seguente con la percussione frenata dall’intervento di Merelli. Tasso qualitativo a favore degli uomini di Pillon, bravi a giostrare il pallone soprattutto quando la manovra coinvolge Brugman e Antonucci. La risposta del Padova è tutta negli strappi del baby Clemenza e nel tiro vellutato di capitan Pulzetti, conclusione a giro che al 23’ sfiora il palo lontano di Fiorillo. A spezzare lo 0-0 provvede lo splendido calcio piazzato di Brugman, occasione propiziata dall’ingenuo fallo al limite dell’area di Trevisan su Mancuso: non perdona il leader tecnico del Pescara, parabola vincente che s’insacca alle spalle di Merelli. Velleitarie le offensive targate Antonucci e Clemenza, ultimi sussulti di una prima frazione che premia la squadra più in forma di questa Serie B.

Padova, pazza rimonta nel finale

Pronti-via e il Pescara spinge sull’acceleratore, intensità che produce un calcio di rigore per fallo ai danni di Gravillon dagli sviluppi di calcio d’angolo: dal dischetto non sbaglia Mancuso, 4° centro personale e raddoppio degli abruzzesi. Stavolta non manca la replica del Padova grazie al neo-entrato Cisco, 19enne in prestito dal Sassuolo e originario proprio della città veneta: bastano 8 minuti all’esordiente assoluto per sfiorare la rete, gioia negata dal palo complice la deviazione di Fiorillo. La girandola di cambi e ammonizioni non stravolge il copione del match: Mancuso non crea problemi a Merelli, Bonazzoli scarica due volte il mancino senza riuscire a riaprire il match. Una sfida apparentemente chiusa, vedi la prodezza del neoentrato Cisco che indovina il sinistro vincente dalla distanza e regala un finale ad alta tensione. Finita qui? Manco per idea: all’ultimo respiro il guizzo di Cappelletti, tacco sul destro di Capelli, vale l’insperato 2-2 che nega la leadership della Serie B al Pescara. Si salvano gli uomini di Bisoli con un pazzo finale, restano solo i rimpianti a Pillon.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.