Serie B, Lega B accusa Figc dopo decisione del Tar e ricorre a Consiglio di Stato. Gravina indice Consiglio

La Lega B ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar del Lazio secondo la quale il campionato potrebbe tornare a un format a 22 squadre, al quale sono contrarie le 19 squadre partite regolarmente. Balata: "Figc non vuole tutelarci, siamo sconvolti". Gravina però replica: "La responsabilità non è nostra, indico un consiglio federale d'urgenza"

IL TAR DA' RAGIONE AI CLUB: LA B TORNA A 22 SQUADRE?

In Serie B il caos continua a regnare sovrano. E ora prosegue secondo l'inedito schema di un braccio di ferro, tra accuse, ricorsi e sentenze, tra la Lega di B e la Figc del neo presidente Gabriele Gravina. L'assemblea di Lnpb riunitasi oggi a Milano nella sede di via Rosellini ha deciso infatti all'unanimita' di ricorrere al Consiglio di Stato contro l'ordinanza cautelare del Tar di ieri secondo cui il campionato cadetto, partito a 19 squadre, puo' tornare ora a 22 club. "Tutti e 19 abbiamo condiviso una linea unitaria, granitica e convinta - ha spiegato il presidente Mauro Balata - che abbiamo portato avanti da agosto. Abbiamo deciso di impugnare l'ordinanza cautelare provvisoria emanata dal Tar del Lazio che ha ribaltato alcune cose che lo stesso tribunale e il Consiglio di Stato avevano cristallizzato dopo due mesi di sentenze, come il diritto alla composizione del campionato e l'inizio del torneo stesso a seguito delle delibere autorizzative della Figc".

"Le aspiranti al ripescaggio (Novara, Pro Vercelli e Ternana, ndr) - ha proseguito Balata - non hanno guadagnato sul campo il diritto a partecipare al campionato di Serie B e non esiste nell'ordinamento il diritto che imponga il ripescaggio nel nostro torneo". "Con l'impugnazione al Consiglio di Stato la Lnpb vuole tutelare il proseguo del campionato - ha detto ancora il presidente della Lega B - dopo che sono state disputate otto giornate, la sua regolarita', ed e' convinta che i giudici d'appello non assumeranno decisioni che portano a sospenderne la continuazione fino all'esito finale dei contenziosi fissato dal Tar per marzo 2019. Non solo: le gare che hanno tenuto l'omologazione dalla Federazione stessa hanno avuto effetti non solo per le 19 societa' e per i loro tifosi ma anche per le tv, gli sponsor e per tutte quelle realtà intimamente ed economicamente connesse al mondo del calcio". La scelta della Federcalcio di non ricorrere a sua volta al Consiglio di Stato ma anzi di costituirsi contro la Lega B, ha sorpreso Balata.

"Oggi scopriamo che la Figc non riconosce le stesse delibere - ha spiegato - e ritiene di tutelare, a danno delle 19 societa' della Serie B, altri soggetti ancora non identificabili attraverso i ripescaggi. Siamo sconvolti del fatto che la Federazione non intenda impugnare un'ordinanza che ha legittimato noi e che censura i suoi stessi provvedimenti, ma anche condizionato i nostri. Vogliamo tutelare le societa' di Serie B che hanno il diritto di giocare il loro campionato ed evitare che subiscano gravi e irreparabili pregiudizi con conseguenti ingenti danni". Dello stesso parere il presidente del Perugia Massimiliano Santopadre, che ha aggiunto: "Altro che risarcimento per 4 o 5 club, sappiano che i danni veri li stanno subendo i 19 club della Serie B che si tuteleranno per ottenerne l'integrale risarcimento. Abbiamo votato Gravina con lealta' e all'unanimita' - ha aggiunto - perche' ci aveva garantito la riforma del campionato con la B a 20 squadre gia' dalla prossima stagione, cosa che un organico oggi portato a 22 rende possibile"

1 nuovo post

Assemblea conclusa

La Lega B ha impugnato l’ordinanza per tutelare le 19 squadre che hanno diritto di partecipare a questo campionato. E’ stato presentato Ricorso al Consiglio di Stato per limitare o arginare questa ordinanza (del format a 22 squadre). Nessun blocco al campionato di Serie B come si ipotizzava prima dell’inizio dell’Assemblea: le squadre si presenteranno regolarmente in campo a meno che non arrivino nuove differenti disposizione da parte della FIGC.

- di daniele.caiola

Serie B, lo scenario. Marani: "Ecco il grande pasticcio" | Video Sky - Sky Sport HD

video.sky.itVedi il video 'Serie B, lo scenario. Marani: "Ecco il grande pasticcio"' - Sky Sport HD
- di daniele.caiola

Sono presenti nella sede di via Rosellini i rappresentanti di tutte e 19 le squadre, riuniti d'urgenza dal presidente della Lega Serie B, Mauro Balata.

- di daniele.caiola
Ghirelli: "Fermate la Serie B"
 
"Chiedo a Mauro Balata che si fermi la Serie B - ha detto il segretario generale della Lega Pro Francesco Ghirelli a Radio Rai -. Le partite di C di ieri sera non si potevano disputare altrimenti poi si sarebbero dovute annullare: da un lato c'è la passione, dall'altro ci sono le regole da rispettare".
- di daniele.caiola
Ghirelli: "Smentisco voler sospendere la giornata di Serie C"
 
In queste ore sono circolate con  riferimento alla decisione del Tar Lazio di ieri, alcune notizie  assolutamente prive di fondamento e certamente fuorvianti che  riguarderebbero una decisione della Lega Pro di sospendere tutte le  gare della 9a giornata del Campionato Serie C". Lo dichiara Francesco  Ghirelli, Segretario generale Lega Pro. "Come detto ci tengo ad  evidenziare che tale notizia è assolutamente falsa, la nostra Lega si  limiterà ad attuare le decisioni che la Figc assumerà. Qualora i tempi non consentissero una programmazione definitiva delle gare delle  società che aspirano ad essere ripescate o riammesse in serie B, le  stesse verranno rinviate".
 
- di daniele.caiola
La Lega B fa ricorso al Consiglio di Stato
 
Secondo quanto trapela, la Lega di Serie B farà ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del TAR di ieri. Nell'assemblea che inizia ora ratificheranno questa decisione. Se la decisione del Consiglio di Stato non dovesse arrivare in tempo brevissimi c'è la possibilità che venga sospesa la prossima giornata di campionato. Ma anche questo è uno dei temi che si sta dibattendo in assemblea
- di daniele.caiola

In seno alla Lega ci sarebbe anche chi vuole chiedere i danni alla Figc nel caso che si torni al format a 22 squadre, perché è stato il commissario straordinario Roberto Fabbricini ad approvare il format a 19 attraverso. La motivazione' Giocare 462 partite in sette mesi sarebbe praticamente impossibile, in primis per la salute dei giocatori.

- di daniele.caiola
Lega B, al via l'assemblea straordinaria
 
Dopo l’ordinanza del Tribunale amministrativo del Lazio, che bocciato di fatto il format della Serie B a 19 squadre, la Lega di B ha convocato per le 14 un’Assemblea Straordinaria per esaminare la situazione. Ieri il nuovo presidente della Federcalcio si è riunito coi legali della FIGC in un summit d’urgenza: Gravina, che sin dall’inizio è stato critico verso il provvedimento del commissario straordinario Fabbricini di ridurre la Serie B a 19 squadre, non impugnerà l’ordinanza del Tar davanti al Consiglio di Stato.
- di daniele.caiola

Catania, Entella, Novara, Pro vercelli, Siena e Ternana (in rigoroso ordine alfabetico): queste le società che ambiscono al ripescaggio qualora la Serie B tornare a 22 squadre. Nel frattempo ieri la Lega di serie C aveva deciso di rinviare i recuperi della prima giornata (Pontedera-Novara, Pro Piacenza-Robur Siena, Pro Vercelli-Piacenza e Ternana-Rimini).

- di daniele.caiola

La replica di Gravina

Un consiglio federale d'urgenza per affrontare la situazione della serie B, dopo la sentenza del Tar del Lazio e la decisione della Lega di B di impugnarla al Consiglio di Stato, è stato convocato per martedì 30 ottobre dal neoeletto presidente federale, Gabriele Gravina: "Chi pensa di riportare in capo a questa governance la responsabilità dell'attuale situazione sul format del campionato di Serie B, la cui gravità è sotto gli occhi di tutti, così come ben evidenziato dalle ordinanze del TAR del Lazio, ha sbagliato indirizzo. "A tal proposito - le parole di Gravina - ho deciso di convocare tempestivamente il Consiglio Federale (martedi' 30 ottobre alle ore 11,00), unico organo statutariamente competente per decidere".

I più letti