Reggiana, Spanò lascia il calcio a 26 anni: ha scelto una borsa di studio a Shanghai

reggiana

Dopo aver conquistato la promozione in Serie B, il capitano della Reggiana annuncia a sorpresa l'addio al calcio a 26 anni: dopo aver vinto una borsa di studio, frequenterà una Business School a Shanghai. "Il mio destino calcistico è compiuto, ora è il momento di prendere un'altra strada"

Le parole che escono con fatica e l’emozione che più volte rischia di prendere il sopravvento. Eppure quel discorso fatto in conferenza stampa (immagini TeleReggio), Alessandro Spanò lo ha preparato con cura maniacale e lo ha riletto più e più volte nelle scorse settimane. Lui, capitano della Reggiana che solo una settimana fa conquistava la promozione in Serie B dopo aver battuto il Bari nella finale playoff, adesso ha deciso di lasciare il mondo del calcio ad appena 26 anni per proseguire gli studi dopo aver conseguito la laurea appena 24 ore dopo la festa promozione e aver ottenuto una borsa di studio che gli ha permesso di ottenere l’ammissione in una Business School internazionale. A Shanghai in Cina, la nuova tappa di Alessandro Spanò, ormai ex difensore della Reggiana, partirà proprio da lì.

"Tutto ha avuto un senso. Col Bari ultima partita, il mio destino è compiuto"

approfondimento

Festa Reggiana, 1-0 al Bari: va in B dopo 21 anni!

"Credo che il destino giochi con le nostre vite per dare, a tempo debito, un senso a tutto ciò che nei momenti più difficili sembra non averne. Mercoledì sera, guardando i volti e gli occhi di chi mi era vicino, ho realizzato che tutto, ogni singolo istante, ha avuto senso", le prime parole del discorso di addio al calcio pronunciato da Spanò in conferenza stampa. "Il mio destino si è intrecciato con quello di questa città. Mi ha chiesto di fare con lei un viaggio, fianco a fianco, e accompagnarla dove merita. Così ci siamo presi per mano, e siamo arrivati in vetta. Ce l’abbiamo fatta, insieme. Non poteva essere diversamente, perché quella finale, come non avrei potuto immaginare neanche nelle migliori sceneggiature di un film a lieto fine, era la mia ultima partita. Il mio destino è compiuto", prosegue visibilmente emozionato il ragazzo.

"Continuate a sorridere, sarebbe un regalo enorme"

Spanò che spiega i motivi che lo hanno portato compiere questa scelta: “Ora devo seguire ancora una volta il mio cuore. Ci sono altre parti dentro di me che sgomitano per avere spazio, ed è giunto il loro momento. E' il momento di prendere un’altra strada, che da oggi mi porterà lontano dai campi di calcio. In questi mesi, per non distrarci dall’obiettivo comune, non ho potuto condividere con nessuno un altro traguardo personale: una borsa di studio e l’ammissione in una Business School internazionale. Comincia un nuovo capitolo di questo gioco infinito che è la vita. Il mondo mi sta aspettando. Forse sono un po’ matto, ma la ragione non ha sempre ragione". Finale dedicato ai ringraziamenti: "Non posso che ringraziare chiunque abbia fatto parte di questa favola. Vi ringrazio tutti per avermi fatto vivere degli anni meravigliosi. Mi auguro di aver lasciato qualcosa, in campo ma soprattutto fuori, perché io ho ricevuto tantissimo. Dopo una settimana di gioia, vi chiedo di continuare a sorridere, sarebbe l’ultimo enorme regalo che mi fareste. Le mie ultime parole vogliono essere un semplice invito: inseguite il vostro vero significato e vivrete per sempre un sogno. Un abbraccio, per sempre vostro, Alessandro".

La toccante lettera al "piccolo Ale"

approfondimento

Amarcord Reggiana, i big che hanno fatto la storia

Prima ancora delle toccanti parole pronunciate in conferenza stampa, Alessandrò Spanò ha voluto scrivere una lettera – pubblicata su Instagram – a sé stesso, al piccolo Ale, quel bambino che da piccolo inseguiva il sogno di diventare calciatore. "Ciao piccolo Ale, stai muovendo i tuoi primi passi in giardino. Hai già la maglia del Milan addosso e la palla tra i piedi. Vedo che papà non ha perso tempo. Tra qualche anno metterai le tue prime scarpette con i tacchetti e imparerai a legarti i lacci da solo. Il campo in terra dell’oratorio ti aspetta, sarà il tuo primo piccolo grande stadio. Inizierai a sognare di diventare un calciatore, ma non sai cosa ti aspetta. Dal caldo dei ritiri d’agosto alla neve di dicembre. Con il buio a farti compagnia mentre aspetti il treno della sera per tornare a casa, con quel borsone in spalla quasi più grande di te. Crescerai e continuerai a inseguire quel sogno. Giorno dopo giorno. La tua passione ti insegnerà la dedizione al lavoro, la voglia di migliorarsi e il sapersi rialzare davanti alle avversità. Non immagini neanche gli sforzi che farà la tua famiglia per accompagnarti in questo viaggio"

"Farai sempre la scelta giusta se deciderai col cuore"

Ma arriverà un pomeriggio in cui sarai seduto in una piccola stanza, e firmerai il tuo primo contratto. Credimi, ce la farai. Ti sembrerà che tutto accada così in fretta”, si legge. "Non avere mai paura, farai sempre la scelta giusta, perché sai decidere con il cuore. Dovrai preparare le valigie, andrai via di casa. Amerai una nuova città, la sua terra e la sua gente. Ti accoglierà come un figlio, diventerà casa. Vi prenderete per mano in questo viaggio e raggiungerete grandi obiettivi. Restituiscile tutto ciò che potrai, dentro e fuori dal campo. I valori che deciderai di lasciare saranno l’eredità più importante. La tua pelle e il tuo cuore saranno granata, per sempre. Troverai tante persone magnifiche. Ringraziale tutte, ti regaleranno delle emozioni indelebili”, prosegue il messaggio. "Ora quel fuoco di curiosità che arde dentro di te è diventato indomabile, e ti vuole portare alla scoperta del mondo. Forse sei matto, ma tutti i bambini sono un po’ folli. Comincia un nuovo capitolo della tua vita, ma di questo non posso svelarti ancora molto. Vai a scoprirlo, come sempre con il cuore in mano, e lasciati guidare dal destino".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche