Padova-Alessandria 0-0: primo round pari, si decide tutto al ritorno

playoff C

Gara intensa all’Euganeo con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto. Prima parte favorevole alla squadra di Mandorlini pericolosa con Biasci e Curcio. La risposta alessandrina con Corazza e Chiarello. Nella ripresa grossa chance per il Padova: traversa colpita da Della Latta. Giovedì alle 18 il ritorno al Moccagatta di Alessandria

PADOVA-ALESSANDRIA 0-0

PADOVA (4-3-3): Dini; Pelagatti, Rossettini, Kresic, Curcio; Della Latta, Hallfredsson (81' Ejesi), Germano (76' Firenze); Jelenic (81' Mandorlini), Paponi (56' Bifulco), Biasci (81' Andelkovic). All. A. Mandorlini. 

 

ALESSANDRIA (3-4-1-2): Pisseri; Parodi, Di Gennaro, Prestia; Mora (71' Cosenza), Giorno (81' Gazzi), Bruccini (60' Casarini), Celia; Chiarello; Corazza (60' Eusepi), Arrighini (81' Stanco). All. M. Longo.

 

Ammoniti: Della Latta, Bruccini, Giorno, Gazzi

 

Quasi impensabile avere una finale già decisa dalla gara dell'andata. Per il valore delle due squadre, per la bontà del cammino fatto finora, per la consapevolezza di potersi giocare la promozione in Serie B lungo 180' intensissimi. La prima sfida tra Padova e Alessandria termina 0-0 all'Euganeo al termine di un match molto equilibrato e teso, con le due squadre a giocarsela a viso aperto ma anche accorte a non subire gol. Ai punti, forse, avrebbe meritato qualcosa in più il Padova che recrimina per una traversa colpita nella ripresa da Della Latta, ma l'Alessandria si è dimostrata squadra tosta in fase difensiva e pericolosa in avanti.

 

Scelte di formazione obbligate per Mandorlini alle prese con diverse assenze per squalifica. In campo Paponi e Biasci in avanti. Longo deve rinunciare a Mustacchio, ripropone Mora a destra e schiera Corazza dal 1' e non Eusepi. La prima parte di gara è appannaggio dei padroni di casa che fanno sentire la pressione e risultano pericolosi dalle parti di Pisseri con un paio di conclusioni dalla distanza. Halfredsson cuce il gioco Biasci e Curcio sono sempre in agguato ma Pisseri è sempre bravo a sventare le chance occorse ai padroni di casa. Nella parte finale del primo tempo doppia occasione per l'Alessandria: un tiro di Chiarello termina di poco a lato e un colpo di testa di Corazza viene salvato da Dini dopo una chance sprecata da Bruccini.

 

Nella ripresa, l'equilibrio continua a farla da padrone, ma il Padova è più pressante e si stanzia costantemente nella trequarti alessandrina. La squadra di Longo difende con ordine e prova a ripartire senza, tuttavia, impensierire Dini. I cambi, da entrambe le parti, restituiscono un po' di energia al match. L'occasione più ghiotta è del Padova, Della Latta si esibisce in una bella azione personale e lascia partire un destro da fuori area che colpisce la traversa. Nella parte finale, il Padova prova a trovare il gol che valorizzerebbe il match casalingo ma l'Alessandria chiude tutti i varchi. Dopo 6' di recupero, la gara termina 0-0. La quarta squadra che raggiungerà Como, Ternana e Perugia in Serie B verrà decisa nel match di ritorno, giovedì, allo stadio Moccagatta di Alessandria.

1 nuovo post
Longo, Alessandria: "Ci porta qui un grande percorso, da gennaio è stato fatto qualcosa di importante, recuperare tanti punti al Como era improbabile, ma ora siamo qua di nuovo e ci troviamo a disputare questa doppia finale cercando di capitalizzare il lavoro fatto fino ad adesso. Una finale doppia è differente, oggi sarà importante interpretare la gara con testa e lucidità, bisognerà sempre stare dentro la partita"
- di Redazione SkySport24
Le formazioni ufficiali di Padova-Alessandria
- di Redazione SkySport24
Le scelte di formazione, Alessandria: Longo sceglie Corazza e non eusepi come partner di Arrighini in avanti. Casarini, non al meglio, è in panchina. Gioca Giorno insieme a Bruccini. Rientra Parodi in difesa
- di Redazione SkySport24
Le scelte di formazione, Padova: Mandorlini deve fare di necessità virtù a causa di diverse assenze. Non c'è Ronaldo, in avanti gioca Paponi
- di Redazione SkySport24
La formazione del Padova in grafica
- di Redazione SkySport24
Qui Padova: emergenza vera e propria quella che deve fronteggiare il tecnico Andrea Mandorlini, il quale deve fare a meno oltre a Santini per squalifica (sentenza confermata in settimana), non potrà disporre in questa partita di Ronaldo, Hraiech, Chiricò e Vasic elementi chiave indubbiamente del proprio scacchiere
- di Redazione SkySport24
Qui Alessandria: il mister Moreno Longo dal suo canto recupera gli squalificati Parodi e Giorno ma perde per lo stesso motivo Mustacchio, il quale va ad aggiungersi ai lungodegenti Sini e Bellodi. 
- di Redazione SkySport24

Statistiche e curiosità

Sarà il signor Luca Zufferli della sezione di Udine l'arbitro chiamato a dirigere la gara di andata della Finale Playoff playoff tra Padova ed Alessandria
- di Redazione SkySport24
Il giocatore maggiormente utilizzato dal Padova è stato finora il centrocampista Umberto Germano (‘92), con 43 presenze complessive e quasi 3.600’ di impiego. 
- di Redazione SkySport24
 Il centrocampista Simone Della Latta (‘93) è capocannoniere stagionale dei veneti con 13 reti messe a segno in tutte le competizioni disputate cui si devono aggiungere 5 assis
- di Redazione SkySport24
Il Padova ha concluso la regular season del girone B al secondo posto con 79 punti. Tanti quanti il Perugia, che ha centrato la promozione alla serie cadetta grazie al vantaggio negli scontri diretti
- di Redazione SkySport24

Tre calciatori hanno giocato la sfida con entrambe le maglie. Valeriano Barbiero in campo quattro volte prima con il Padova e poi con l’Alessandria; Mario Pasquina ha giocato una volta nel Padova prima di passare all’Alessandria e rigiocare 3 volte in maglia grigia. Infine Giuseppe Pillon è “triplo ex”: ha giocato sia nell’Alessandria che nel Padova ed stato allenatore dei biancoscudati.

- di Redazione SkySport24

Leader nella classifica cannonieri è Elvio Banchero, a segno ben 13 volte (una tripletta e tre doppiette nel suo score); miglior attaccante biancoscudato Nane Vecchina con 9 gol all’attivo.

- di Redazione SkySport24

Il giocatore con più presenze nella sfida è il patavino Danieli che ha giocato 18 partite, una in più di Giuseppe Gandini, veterano storico da parte mandrogna. A quota 16 ci sono altri 4 grigi: Cattaneo, Colombo Antonio, Costa e Lauro, seguiti da Avalle con 15 e da Fayenz e Giovanni Monti (II) scesi in campo in 13 occasioni.

- di Redazione SkySport24

Sono 77 i precedenti tra le due compagini dal 1921 al 1982, prima di uno stop forzato della contesa lungo 34 anni terminato nel 2016. Un grande classico in bianco e nero che vede un bilancio dei confronti di sostanziale parità

- di Redazione SkySport24

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche