Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
15 novembre 2016

Il Napoli punta Bailey. Sarri pensa all'Udinese

print-icon
bai

Leon Bailey, attaccante classe '97 del Genk, in azione in Europa League contro l'Athletic Bilbao

Il ds Giuntoli è alla ricerca di un attaccante per gennaio. I nomi in prima fila sono sempre quelli di Zaza e Pavoletti. Per giugno si segue il talento classe ’97 del Genk. Nel frattempo l'allenatore azzurro pensa solo alla sfida della Dacia Arena

Giugno, gennaio e sabato prossimo: il futuro del Napoli in tre tappe. La prima contro l'udinese, sabato 19, partita che aprirà il ciclo senza soste che porterà alla sosta di Natale. 8 partite, due di Coppa che, inutile negarlo, orienteranno la stagione azzurra. Per questo motivo sarà fondamentale cominciare bene.

Per riaccendere la speranza di un campionato da vivere ancora al top e magari per avere solide argomentazioni a gennaio, seconda tappa, quando il Napoli cercherà di prendere un attaccante. In prima fila ancora Pavoletti e Zaza. Mitrovic sfumato, Zapata addirittura più dietro. Obiettivo irrinunciabile la prima punta per l'attacco, poi, a giugno, terza tappa, si potrà magari pensare anche ad un altro attaccante esterno. Il profilo che piace Leon Bailey, contatti già avviati con il papà del giovane talento del Genk, 19 anni, club con il quale il Napoli ha già chiuso l'affare Koulibaly, con estrema soddisfazione da ambo le parti. Visita della città e immancabile presenza al San Paolo per papà Craig, se ne continuerà a parlare, nei prossimi mesi, come dei rinnovi di Mertens e Ghoulam, in via di definizione.

Discorsi che al momento interessano zero a Maurizio Sarri. Concentrato solo ed esclusivamente sulla prima partita del ciclo che indirizzerà il campionato azzurro. Udinese-Napoli. Praticamente un incubo quella della passata stagione, una grande incognita la prossima, prima tappa di un futuro che il Napoli può e deve indirizzare nella giusta direzione.