Juve, preso Caldara: tra Tolstoj e pallone

Calciomercato
caldara_juventus

Timido, educato. Uno che legge Dostoevskij e Tolstoj: "Alla play perdo tempo, la lettura mi lascia qualcosa". L'Atalanta, lo stage in Nazionale, uno zainetto storico e la maglia di Chiellini: "Non gliel'ho chiesta, mi vergognavo". Ora la Juventus e un sogno tutto suo, ecco chi è il giovane Caldara

A vederlo così sembra un bravo ragazzo. Uno di quelli classici: timido, educato, senza un filo di barba. Uno a posto. Poi lo conosci bene e scopri che è anche peggio. In senso buono eh, ci mancherebbe. Ma rispetto ai suoi coetanei pallonari, forse, Mattia ha qualcosa in più. Basta sapere cosa legge: "Dostoevskij, Delitto e Castigo". Ah: "Poi Tolstoj! Non so, ma con la playstation mi sembra di perdere tempo". Orgoglio di tutte le mamme e pure del suo prof, un certo Signorelli: "Questa passione per la lettura è nata grazie a lui, ti lascia qualcosa dentro". Badate bene: Mattia Caldara è un calciatore, gioca da centrale e lo fa pure bene. Pulito, attento, ordinato. Insomma, l'avete capito: "In campo come nella vita". Nereo Rocco docet. 

Sulle orme dei suoi idoli - Due punti di riferimento: "Nesta e Chiellini!". Anche se quando ha dovuto chiedergli la maglia non ce l'ha fatta: "Da piccolo avevo il suo poster, ma mi sono vergognato". Pazienza dai, lo farà a giugno. Perché Caldara ha appena firmato per la Juve, 15 milioni di euro più altri 6 di bonus (resterà in prestito all'Atleti Azzurri d'Italia fino al 2018). Semplicemente, il futuro (classe '94). Cresciuto all'Atalanta insieme a una generazione d'oro: Gagliardini (ora all'Inter), Grassi, Conti, Kessie, Petagna. Già, Andrea. Che storie tra i due: "Mi prende in giro dicendomi che sono troppo agitato, perché la mia tranquillità è nota a tutti. Io gli rispondo che a furia di tirargli calcioni in allenamento gli ho raddrizzato i piedi: adesso fa gol in Serie A". Altro talento, ma occhio a Mattia. Uno con dei valori seri, guai a chiamarlo privilegiato: "Esempio? Io? È più importante chi scopre un farmaco o una malattia". Chapeau.

"A ballare? Un disastro!". E quello zainetto... - Se non avesse fatto il calciatore? "Probabilmente sarei diventato un bancario". Oppure si sarebbe iscritto a lettere. In italiano andava bene, in letteratura era da ottimo. E con le donne... "Durante le ore di Educazione Fisica giocavamo sempre a calcio e passavamo la palla alle ragazze, appositamente!” racconta uno dei suoi amici, Daniele Mologni. Adesso, però, Mattia è fidanzato con la bella Giulia, sua prima tifosa (frequenta legge). Bomber. Pure in Serie A con l'Atalanta, 3 gol quest'anno. Un bel bottino per uno "che non segnava mai". Parola agli ex compagni: "Lo prendevamo in giro, una volta segnò contro il Novara e fu un mezzo miracolo". Che tipo, Caldara. Disastro a Fifa e anche a ballare: "All'inizio era un po’ teso, poi ha rotto il ghiaccio". Ora è migliorato dai. Prima era un ragazzino come tanti che girava con uno zainetto un po' ingombrante, marcato Eastpak. Alle superiori, in Primavera, pure a Trapani e a Cesena. Sempre con lui, ovunque. Dentro sistemava i suoi sogni e le sue speranze, i suoi libri e le sue emozioni. Il Codice da Vinci e Anna Karenina. "Senza contare le ricette di mamma!". Anche le sue ambizioni. Più uno stage in Nazionale arrivato con Ventura: "Per me è motivo d'orgoglio". C'è tutto. E chissà se lo porterà pure a Torino. 

The Wall - Soprannomi vari raccolti negli anni: Poeta, Caldors, The Wall. Ecco sì, azzeccato. Perché lì dietro non passa nulla, attento e diligente. Questione di mentalità. Umilissimo, lui. Tant'è che quando lo paragonano a Scirea e Barzagli arroscisce: "Sono esempi, campionissimi, mostri sacri. Io ho ancora tanta strada da fare". Orgoglio di papà Stefano, che non riesce a vedere una sua partita: "Le sente troppo". Aneddoto d'obbligo: "Due anni fa quando ero nel Trapani e giocavamo a Carpi, gli presi il il biglietto. Solo dopo la partita ho saputo che non ce l'aveva fatta a entrare, ma era rimasto a camminare per tutto il tempo nel centro di Carpi. Neanche in tv riesce a vedere le mie partite!". Un caso più unico che raro. Ma prima o poi ci sarà, gliel'ha promesso. Forse allo Stadium alla prima con la Juve? Può darsì. Altra cosa da infilare nello zaino. Occhio a non riempirlo però, la maglia di Chiellini merita uno spazio.  
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche