Calciomercato Lazio, ag. Keita: "La cessione è la cosa migliore"

CalcioMercato

A tutto Calenda: "I biancocelesti hanno un accordo col Milan, ma vogliamo capire il progetto. Juve? Nessun intesa. E non abbiamo preso in considerazione l’idea di andare via a parametro zero o di danneggiare la Lazio, ma la cessione è la cosa migliore per tutti"

Quando Roberto Calenda rilascia una dichiarazione non si risparmia mai: "Andar via è la cosa migliore per tutti, ma non vogliamo danneggiare la Lazio". Keita, i biancocelesti e il mercato. In casa Lazio non si parla d'altro, il senegalese è al centro del mercato da diverso tempo: Juventus, Milan, club esteri. Un'asta importante, anche alla luce dei 16 gol segnati. E il contratto in scadenza nel 2018 alimenta tutto ciò: "Ma non andremo via a parametro 0" garantisce Calenda, che ha fatto il punto della situazione sul Corriere dello Sport. 

"La Lazio ha un accordo col Milan, ora vediamo"

Così Calenda, agente di Keita Balde: "“La Lazio ci ha comunicato che ha un accordo con il Milan e ne abbiamo preso atto. Il Milan è sempre il Milan, ma vogliamo capire in questo momento qual è l’entità del loro progetto". E ancora: "Non abbiamo preso in considerazione l’idea di andare via a parametro zero o di danneggiare la Lazio. A questo punto, però, bisogna rendersi conto che la cessione è la soluzione migliore per tutti. Ovviamente, pensiamo ad una cessione che soddisfi tutte le parti. Tuttavia, è proprio questo il punto: abbiamo a che fare con un club che considera solo il proprio interesse economico; la volontà di Keita per la Lazio non esiste. E bisogna essere trasparenti: noi vogliamo trovare una soluzione che soddisfi la Lazio ma che tenga pure in debita considerazione la volontà del ragazzo. Noi vogliamo dialogare con la Lazio fino alla fine e trovare un accomodamento; non siamo tuttavia disposti ad accettare imposizioni o ad essere “messi all’angolo” o, ancora peggio, a subire ritorsioni che – se si verificassero – sarebbero immediatamente denunciate alle autorità competenti". Infine: "La volontà del ragazzo non può essere coartata, ipotizzando scenari apocalittici”.

"Nessun accordo con la Juve"

Nessun intesa con la Juve: "Assolutamente no - ammette Calenda sempre sul Corriere - Si vogliono a tutti i costi addossare colpe ad un calciatore, guarda caso ad un anno dalla scadenza del contratto. Non passa giorno senza che si parli di Keita: non è più tollerabile. Noi siamo stati chiari. La Lazio, invece, no. Non è mai stato indicato un programma su Keita, tanto è vero che anche in questa stagione, la migliore di sempre, ha giocato ad intermittenza".

"La Lazio non ha mai lavorato sul rinnovo"

La Lazio ha legittimamente compiuto una scelta: non ha lavorato sul rinnovo. Keita da tempo è sul mercato. Abbiamo saputo che la Lazio ha coinvolto alcuni professionisti per vendere Keita. Ma la Lazio non mi ha mai comunicato offerte formulate da altri club. Quando leggo di 3 o 4 offerte rifiutate (formulate anche da club esteri: inglesi, ad esempio) mi viene da dire: chi gestisce questa vicenda diffondendo notizie, se vere, mai comunicate al manager del giocatore? In tanti anni di calcio non mi era mai capitato. Sono un agente che da anni tratta calciatori importanti a livello internazionale. Come arriva un’offerta che riguarda un calciatore gestito da me, i dirigenti e i presidenti, per rispetto e per garantirsi che l’operazione possa avere un qualche esito, mi informano. Per Keita il rammarico è che la volontà del ragazzo non ha mai avuto rilevanza per la Lazio. Mai fatte proposte di rinnovo nelle due stagioni passate. Nell’anno di Pioli, Keita non ha mai giocato. Con Inzaghi ha cominciato a lungo in panchina. E’ stato detto di tutto: che era indisciplinato; che non era determinante; che era una testa calda. Invece si è sempre comportato da professionista giocando sempre con intensità".

"Per la Lazio Keita è una cosa da vendere"

Conclude Calenda: "Non c’è mai stata un’offerta durante questi due anni. Nell’ultima settimana c’è stato un tentativo goffo di trattare. E’ stato ipotizzato uno stipendio che rientra nei parametri Lazio, ma con una clausola rescissoria da top player. E’ questo che non funziona: Keita è ipervalutato solo per fare cassa. Posso solo dire che Keita è valutato dalla Lazio come un top player. Ma la stessa società non lo tratta come un top player, non lo paga come un top player, non lo considera come un top player; addirittura non ha interesse a sapere cosa pensi Keita. Keita per la società è una “cosa” da vendere. Sicuramente ci sono state richieste fuori mercato, considerato che tra un anno scade il contratto. La società è legittimata a chiedere qualsiasi cifra, ma è necessario poi che ognuno si assuma le responsabilità se poi la cessione non si realizza. Ricordo a me stesso che per fare un contratto bisogna essere tutti d’accordo, rispettare il proprio interlocutore; per mostrare rispetto al proprio interlocutore, bisogna essere sereni e disponibili al dialogo”.

I più letti