Roma, Karsdorp: "Torno presto". Monchi: "Nastasic buon giocatore"

Calciomercato
KARSDORP

Il terzino si presenta: "Le vacanze sono durate anche troppo, avevo voglia di iniziare. In 3-4 settimane risolverò il mio problema. Strootman mi ha convinto a venire. E Di Francesco mi voleva già quando allenava il Sassuolo". Poi Monchi: "Lavoriamo su un nome mai uscito. Nastasic? Piace..."

TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

Calciomercato L'Originale, dal lunedì al venerdì alle 23 su Sky Sport 3

Corsa, rapidità e spinta lungo la corsia: that's Rick Karsdorp, nuovo terzino destro della Roma. Reduce dal campionato d'Olanda vinto col Feyenoord, l'olandese è stato presentato in sala stampa durante il ritiro giallorosso di Pinzolo: "Le vacanze sono durate anche troppo! Avevo subito voglia di cominciare questa avventura". Per lui un piccolo problema al ginocchio: "Spero di risolverlo in 3-4 settimane, non vedo l'ora di iniziare. Ho tanta voglia". Le sue parole. 

"Strootman mi ha convinto a venire"

La presenza in rosa di un altro olandese, Kevin Strootman, faciliterà l'ambientamento di Karsdorp: "E' molto importante la sua presenza. Mi ha parlato molto bene del club. Per me non è stato semplice perché sono cresciuto nel Feyenoord ma Kevin mi ha convinto a venire. Sono molto contento dei compagni e di stare qui”. Nessuna somiglianza: "Conoscete il mio percorso, ho iniziato da centrocampista - continua Karsdorp - Difficile fare un paragone, non mi resta che dimostrare in campo cosa so fare”. E ancora, su cosa deve migliorare tatticamente: "Credo che quando si cambia campionato si deve lavorare molto per imparare. Io ho delle caratteristiche molto offensive, ho intenzione di impegnarmi e completare le mie qualità".

"Non sono ancora un grande giocatore"

Alla domanda sul paragone con Cafu, Karsdorp risponde così: "“Vengo da una squadra che non vinceva il campionato da 18 anni, quest'anno ci siamo riusciti. In vacanza mi ha chiamato la Roma e ho scelto in fretta. Ora non sono ancora un grande calciatore, non mi aspetterei cose eccessive da me. Voglio però rassicurare tutti i tifosi perché faremo di tutto per vincere”. Poi sull'infortunio: "Avevo riposato in un paio di partite prima del big match con l'Ajax, poi in quella gara ho subito un colpo ed è iniziato il fastidiR. Poi ne ho subito un altro e il dolore non è mai passato. Recupero? Non ho una data fissa, si inizia il 20 agosto, quella data ho in mente”.

"Di Francesco mi voleva a Sassuolo"

Piccolo retroscena di mercato, Eusebio Di Francesco voleva Karsdorp già al Sassuolo: "“Si, mi risulta. Però in quel momento era importante restare in Olanda. Ora Di Francesco è alla Roma e questo è un segnale di fiducia in più”. Sul paragone Kuyt-Totti: "Ci può stare. Non so come fosse alla Roma - continua Karsdorp - ma Kuyt al Feyenoord era importantissimo. Parlava con tutti e si occupava di tutto. È diventato un mio amico, è uno che si nota dentro e fuori dal campo. L'anno scorso si parlava molto di lui quando abbiamo iniziato bene, lui si è defilato per dare spazio a noi. Credo che Totti sia stato anche più importante in paragone”.

Monchi: "Nastasic? Buon giocatore..."

In conferenza stampa c'è anche Monchi, ds del club. E inevitabilmente c'è qualche domanda di mercato. "Thauvin, Ben Arfa e Carlos Vela possono interessare alla Roma in caso di rottura per Defrel?". L'ex ds del Siviglia risponde così: "Sono tutti buoni giocatori ma i nomi che ho in testa e di cui ho parlato con Di Francesco sono differenti. Stiamo lavorando per un giocatore che non è uscito sulla stampa. Questi sono giocatori importanti ma non sono obiettivi... del Siviglia". Piccolo lapsus per il ds, ride e si corregge: "Scusate, della Roma! E' la prima volta che mi capita. Comunque stiamo lavorando su più fronti".

Poi su Nastasic, ex difensore della Fiorentina ora allo Schalke 04 in Bundesliga: "Per me è un buon giocatore, ha esperienza, presenze in Champions League e anche un passato in Italia.... E ancora, sulle uscite: "Castan e Gyomber si allenano qui. Per la prossima settimana vogliamo raggiungere una decisione e loro saranno i primi a decidere cosa fare, per il rispetto che meritano”. Infine Massara: "Il futuro è suo. In 17 anni di carriera poche volte hoconosciuto una persona più professionale e legate a un club quanto Massara. Se poi servirà un sostituto ci penseremo, lavoriamo su ogni cosa. Non è facile prendere giocatori italiani a medio termine ma è una cosa che ho in mente".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.