Calciomercato, Nedved: "Schick alla Juventus? Tutto è possibile"

Calciomercato
Pavel Nedved (fonte Getty)
nedved_juventus_getty

Pavel Nedved tiene ancora aperto uno spiraglio al possibile trasferimenti di Patrik Schick alla Juventus: "Tutto è possibile", ha dichiarato il vice presidente della società bianconera. Non è ancora escluso un ritorno sull'attaccante blucerchiato, nonostante la rinuncia ufficiale dei giorni scorsi. Il 26 luglio il sorteggio del calendario di Serie A in diretta su Sky Sport e in live-streaming su skysport.it

L'accordo tra le società, poi le visite mediche con ampio anticipo e infine il clamoroso dietrofront. La Juventus ha rinunciato a Patrik Schick, dopo i problemi riscontrati nei test effettuati a giugno. I bianconeri hanno provato a ricontrattare i termini dell'accordo, chiedendo alla Sampdoria un prestito per poi investire la cifra prevista nella prossima stagione. Richiesta che non è stata accolta dalla società blucerchiata, che vuole cedere subito il suo talentuoso attaccante. Trattativa saltata quindi, con i due club che hanno comunicato questa decisione con una breve nota congiunta. Ma è tutto veramente finito? A riaprire uno spiraglio su un possibile arrivo di Patrik Schick in bianconero, è stato Pavel Nedved. Il vice presidente della Juventus, ora negli Stati Uniti per la tournée americana, ha risposto ad una domanda sul futuro dell'attaccante classe '96. "Tutto è possibile", ha dichiarato. Che ci sia ancora una porta aperta per il trasferimento di Schick in bianconero? Le parole di Pavel Nedved non escludono questa possibilità.

Schick tra riposo e valutazioni sul futuro

Dopo la rinuncia della Juventus, l'Inter si è fiondata sull'attaccante ceco. I nerazzurri potrebbero fare sul serio, strappando Schick alla Sampdoria. Non è esclusa neanche una permanenza in blucerchiato. Al momento, però, il giovane attaccante è a riposo, ha staccato la spina dopo una stagione difficile. Ed infatti questi problemi riscontrati durante le visite mediche sono stati motivati dal suo agente con lo stress: "Patrick ha iniziato la stagione lo scorso luglio con lo Sparta Praga e a metà del mese si è trasferito alla Sampdoria – ha spiegato - Durante tutto l’anno ha sempre giocato, tranne per una pausa di otto giorni a Natale. L’ultima partita giocata è stata il 24 giugno durante il Campionato Europeo. In totale ha giocato quarantaquattro partite. Lo hanno fermato problemi di cuore, dagli esami medici è emerso lo stresso dovuto all’enorme carico di lavoro. Tutti i medici concordano che dopo un periodo di riposo, tutto ritornerà nella norma, non è nulla di grave. Il sovraccarico verrà smaltito senza l’aiuto di farmaci". Le riflessioni sul suo futuro continuano, tra l'interessamento dell'Inter e una nuova porta per il passaggio alla Juventus aperta da Pavel Nedved. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche