Calciomercato Hellas Verona, il ds Fusco: "Due rinforzi in attacco. Caceres? Speriamo resti"

Calciomercato
fusco_ok_hellas

Il direttore sportivo gialloblu fa il punto in conferenza sul mercato di gennaio: "Prenderemo un paio di giocatori in attacco, a centrocampo e sulla fascia sinistra siamo a posto. Caceres? Speriamo rimanga, ma il suo contratto scade a luglio"

L’Hellas Verona ha terminato l’anno con un’incoraggiante prestazione contro la Juventus: per arrivare alla salvezza, però, in questo 2018 servirà fare ancora di più. A partire, magari, dal colmare qualche carenza nella rosa a disposizione di Fabio Pecchia, arduo compito che spetterà alla dirigenza in questo delicato mese di gennaio. A tal proposito ha voluto fare chiarezza in conferenza stampa il direttore sportivo gialloblu, Filippo Fusco: “Cercheremo di migliorare la squadra in alcuni reparti - ha ammesso - ma i giocatori che arriveranno dovranno mettersi a disposizione del nostro obiettivo. Cerchiamo giocatori pronti, che conoscono il campionato italiano. Negli ultimi mesi il margine d’errore sarà ridotto al minimo”. Il primo reparto da sistemare è quello offensivo, come sottolineato dallo stesso ds: “Va rinforzato, è vero: il nostro gioco richiede tanto dal punto di vista fisico. Possono arrivare anche due giocatori in avanti: una punta centrale e un attaccante di supporto”.

"A centrocampo siamo a posto. Caceres? Speriamo rimanga"

Meno problemi invece sulla fascia sinistra, ruolo ben coperto all’Hellas e che garantisce discreta competitività: “A sinistra siamo a posto - ha chiarito Fusco - Su Fares c’è l’interesse di diversi top club, poi c’è Felicioli che è un nazionale U21 e abbiamo anche Souprayen che l’anno scorso è stato tra i migliori in Serie B. Se dovesse lasciarci Caceres, però, dovremo intervenire anche in questo reparto. A centrocampo, col ritorno di Zaccagni, siamo ben coperti”. A proposito del difensore uruguaiano ex Juventus, al centro del mercato: “Ha dato tanto sul campo, è un riferimento e ha un contratto fino a luglio. Dopo il Napoli parleremo con il suo agente perchè non è corretto avere giocatori con rimpianti. La speranza è che rimanga, ma il suo contratto scade a luglio e davanti a queste opportunità, squadre come la Lazio si sentono forti. Con loro con ci sono mai state eventuali contropartite collegate a Caceres: Djordjevic aveva deciso di rimanere alla Lazio e noi abbiamo virato su altri nomi”. Una battuta finale del ds gialloblu sul caso Cassano, ormai di diversi mesi fa: “Da gennaio dello scorso anno aveva insistito per venire. Il problema si è risolto in una settimana. Non cerco alibi, il mio errore più grande è stato non definire la rosa in tempi stretti e abbiamo pagato nel primo mese di campionato. Da ottobre in poi la squadra ha avuto un rendimento stabilizzato”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche