Calciomercato Frosinone, presentato Kone: "Sono felice, darò il massimo"

CalcioMercato

L'ivoriano, in scadenza a giugno col Cesena, presentato a Frosinone: "Voglio fare il salto di qualità e tornare in Serie A. Qui una squadra forte con uno stadio bellissimo: non vedo l'ora di cominciare"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Dopo tre stagioni con la maglia del Cesena, per Moussa Kone è tempo di una nuova avventura. Il centrocampista è stato infatti ufficializzato come nuovo rinforzo del Frosinone, squadra con cui proverà l’assalto alla Serie A. L’ivoriano è stato nel pomeriggio presentato ufficialmente in conferenza stampa: “Più che responsabilità c’è la soddisfazione per una Società che ha puntato su di me - ha ammesso - Il mese prossimo sarei andato in scadenza ed avrebbero potuto prendermi a giugno a zero. Sono molto contento di essere qui”. Sulle big della B: “Il Frosinone è forte e con il Palermo mi hanno impressionato molto quando abbiamo giocato contro di loro. Ma il campionato è molto lungo e bisogna lavorare. Restiamo con i piedi per terra e cerchiamo di lavorare partita per partita. L’impatto con il gruppo è stato molto positivo. Dello spogliatoio conoscevo Ciano e Soddimo. E poi ho avuto modo di scoprirli tutti, bravi ragazzi. E poi lo stadio è bellissimo. Ma tutto mi ha fatto un’ottima impressione”.

"A Frosinone per tornare in Serie A"

Kone si è espresso poi sul tifo di Frosinone: “Motivo di orgoglio essere in una piazza così importante, con una tifoseria importante. E cercherò di dare sempre il massimo. Sono qui perché il Frosinone ha creduto in me”, ha continuato. Sulla corsa alla Serie A: “Tutte le squadre sono insidiose in Serie B. Ci saranno squadre che lotteranno per non retrocedere ed altre che lotteranno per salire, per i playoff. Sarà un girone di ritorno duro per tutte. Perchè Frosinone? Sono venuto per fare un salto di qualità e per vincere”. Serie A solo sfiorata in pochissimi dal classe 1990 con l’Atalanta: “Forse è mancata anche la fiducia in me da parte dell’allenatore quando ero a Bergamo, con Colantuono. Col passare degli anni sono migliorato. E sono pronto per tornare in A. A chi mi ispiro? A me piace molto Yaya Touré, quando andavo in nazionale mi dava consigli. Una cosa importante per la mia crescita”. Sabato il Cittadella: “È una buona squadra, insidiosa e bisognerà fare molta attenzione”, ha concluso.

I più letti