Marrone: "A Bari sto alla grande, sono pronto a lasciare la Juventus"

Calciomercato
05_marrone_lapresse

Il difensore biancorosso, in prestito dalla Juve, fa chiarezza sul suo futuro: "Lo vedo lontano dai bianconeri, voglio guardare oltre. Sarebbe bello restare a Bari in caso di promozione in A"

“A 27 anni mi sento pronto per una carriera lontano dalla Juventus”. Parola di Luca Marrone, che, dopo i tanti prestiti dalla squadra bianconera, è pronto e convinto di trovare una nuova stabilità. Oggi, nel Bari, sta lottando da titolare per la promozione in Serie A ed è pronto a decidere del suo prossimo futuro lontano da Torino: "Qui a Bari ho trovato quello che mi serviva dopo l’esperienza positiva all’estero - ha raccontato sulle pagine di Tuttosport - È una bella città, una piazza davvero importante: e la Serie B è mascherata da serie A. Sarebbe bello restare in caso di promozione, ma prima di tutto pensiamo a salire. Il futuro comunque non dipenderà tutto da me, visto che ho un altro anno di contratto con la Juventus: però sinceramente qui mi trovo alla grande”. Da centrocampista a difensore, Marrone: “Oggi mi sento un difensore a tutti gli effetti - ha ammesso - Penso da centrale e, rispetto a qualche anno fa, quando guardo le partite mi fisso sui movimenti della retroguardia. Barzagli, Bonucci e Chiellini sono stati la mia università”.

"L'emozione più grande lo Scudetto con Conte"

Nell’intervista a Tuttosport, il giocatore biancorosso ha raccontato anche i momenti più significativi della sua carriera: “L’emozione più grande resta il primo scudetto con Conte e il gol segnato all’ultima giornata contro l’Atalanta, nella partita d’addio di Del Piero - ha spiegato il classe 1990 - Sono immagini che resteranno fisse nel mio cuore, anche se da un po’ di tempo non le riguardo più perché voglio guardare avanti e non indietro. Ai ricordi preferisco il futuro. Grosso? Per certi aspetti mi ricorda Conte, un altro tecnico a cui sarò sempre grato”. Una battuta finale anche sulla sua maglia più preziosa: “Ho una bella collezione, dico quella di Andrea Belotti. Non siamo mai stati compagni, ma ci siamo conosciuti a Torino e siamo diventati grandi amici”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche